18 Giugno 2021

Pubblicato il

Se cercate le mascherine antivirus le trovate a 2 euro alla Stazione Termini

di Redazione

I casi di contagio da Coronavirus a Roma stanno mandando in tilt anche le persone più ragionevoli

Ormai è fatta, anche i più cauti rispetto al Coronavirus sono in ansia. L'Italia che sembrava essere stata risparmiata dai casi di contagio, da ieri sera ha 2 persone affette da Coronavirus, ricoverate allo Spallanzani di Roma, l'ospedale specializzato nelle malattie infettive. Oltre ai 2 turisti cinesi, in visita a Roma, dopo aver toccato altre città italiane, sono sotto osservazione altre persone, sempre turisti e persone che hanno avuto contatto con loro e che lamentano febbre e problemi respiratori, i sintomi più evidenti del virus. Riguardo alla situazione nella Capitale e all'acquisto delle mascherine protettive antivirus, sembra che le farmacie romane abbiano esaurito tutte le scorte disponibili, anche se più di un dubbio è stato sollevato dalle istituzioni sanitarie rispetto alla loro efficacia nell'essere un valido ostacolo al Coronavirus. Questa mattina il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, alla fine del CDM ha dichiarato lo stato di emergenza sanitario per 6 mesi stanziando la somma di 5 milioni di euro (nemmeno molto per la verità). Un annuncio dovuto, ma che non ha certo rassicurato gli italiani, figurati i romani che hanno ripreso a cercare le mascherine protettive. Trovarle è tuttaltro che complicato, basta girare per le stazioni della metropolitana o alla Stazione Termini. Ce le offrono ad appena 2 euro. Chissà da dove arrivano e quanto sono sicure quelle mascherine, ma senza ci sentiamo nudi, in pericolo. Anche se i medici ci hanno detto che non ci difendono dal Coronavirus…

Scienziati australiani creano copia del coronavirus e aprono strada al vaccino

Giorgia Meloni. Uno stalker vuole sua figlia, secondo l'uomo concepita in vitro

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento