Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Maggio 2022

Pubblicato il

Nuovo anno scolastico

Scuola, verifiche più frequenti per scongiurare il lockdown

di Redazione
Nella scuola si attendono test ravvicinati e verifiche più frequenti anche per stimolare la concentrazione degli alunni
scuola verifiche frequenti

Voti anticipati e test ravvicinati per gli studenti. Obiettivo: controllare il proprio rendimento scolastico anche prima della fine del quadrimestre

Nella scuola vi saranno verifiche frequenti per monitorare l’apprendimento di ragazzi e ragazze. L’esperienza del lockdown ha mostrato che gli alunni traggono beneficio dal verificare con maggiore costanza la propria preparazione. Una misura promettente soprattutto in una fase complessa come il rientro a scuola post-Covid. La riapertura delle scuole, come sottolinea Massimo Galli, è necessaria per far ripartire il Paese. Per questo motivo i presidi stanno già mettendo in pratica i test sulla preparazione degli alunni che devono svolgere corsi di recupero.

Suddividere gli argomenti in più capitoli e svolgere molte più routine di spiegazione – verifica. Questa sarà probabilmente la nuova modalità di apprendimento ventilata dall’Associazione Nazionale Presidi. L’obiettivo è quello di svolgere test e verifiche ogni 30 giorni o mese e mezzo nel corso delle normali attività scolastiche. Anche, forse, per mostrarsi pronti di fronte ad un (ipotetico) lockdown-bis.

scuola verifiche frequenti

Verifiche più frequenti nelle scuole: le nuove griglie di valutazione per la Didattica a Distanza

Le videolezioni hanno fatto emergere la necessità di nuovi criteri valutativi. I quali, tutto sommato, ricalcano quelli applicati nella didattica in presenza. Oltre alle competenze e alle conoscenze, gli alunni hanno dovuto frequentare un numero sufficiente di videolezioni e mostrarsi interessati intervenendo con frequenza.

Infatti, nel corso della chiusura per Covid-19 gli studenti hanno ricevuto una formazione diversa da classe a classe, se non da famiglia a famiglia. A seconda di numerosi fattori, fra i quali la stabilità della connessione internet, la disponibilità domestica di apparecchi elettronici, le capacità dell’insegnante di svolgere la Didattica a Distanza.

Due i benefici dei nuovi cicli di apprendimento. Per gli studenti, la possibilità di testare più spesso il proprio livello di competenza. Per i docenti, coinvolgere le classi e appianare le disparità di apprendimento fra i banchi.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo