02 Agosto 2021

Pubblicato il

Lo sapevate che...

Perché è vantaggioso utilizzare l’auto per viaggiare

di Redazione

Gli interventi di manutenzione ordinaria da effettuare sull'auto prima del viaggio riguardano un completo check up

Auto
Come organizzare il check up dell'auto prima di un viaggio

In un periodo come quello attuale, dove il distanziamento sociale e le precauzioni anticontagio costituiscono i presupposti fondamentali per viaggiare in tranquillità, l’impiego di un mezzo proprio si rivela la scelta ideale.

Infatti, la condivisione di spazi ristretti come quelli dei mezzi di trasporto pubblico può creare una serie di problematiche che una trasferta in macchina non prevede.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Perché viaggiare con la propria auto

Viaggiare con la propria auto può rivelarsi una piacevolissima esperienza soprattutto per chi predilige scoprire località lontane dai percorsi turistici e quindi in parte sconosciute.

Uno dei principali vantaggi dei trasferimenti in autonomia è rappresentato dalla massima libertà d’azione, che consente di non sottostare a programmi prestabiliti e decisi dagli organizzatori.

Inoltre muoversi con la propria auto non costringe a fare soste obbligate ma al contrario permette di organizzare in maniera soggettiva le tappe e gli itinerari, magari cambiando programma durante il viaggio.

È possibile prolungare la permanenza in un luogo particolarmente gradito oppure saltarne altri che non si ritengono altrettanto interessanti, lasciandosi guidare unicamente dalle proprie emozioni.

La comodità di viaggiare in auto riguarda anche la disponibilità del trasporto bagagli, che non devono sottostare a nessuna limitazione nè di peso nè di volume.

Potendo disporre di una vettura fornita di un bagagliaio adeguatamente ampio, non ci sono limiti al numero di valige da portarsi dietro.

Un altro aspetto positivo è quello del risparmio, poiché un viaggio con il proprio mezzo evita tutti i costi di biglietti e ticket per i trasferimenti.

Scelte di questo genere non limitano la possibilità di stare in compagnia, ma permettono di selezionare le persone con cui viaggiare, un’opzione che non è consentita nei trasferimenti con i mezzi pubblici.

Come organizzare un viaggio in auto

Organizzare un viaggio con la propria auto offre la massima libertà di gestione sia per l’itinerario che per le tempistiche.
È tuttavia consigliabile pianificare la trasferta, lasciando comunque un ampio margine di autonomia durante il percorso.

Anche se non sussistono limitazioni rispetto ai bagagli, è consigliabile limitare il numero delle valige per non appesantirsi troppo, soprattutto perché in viaggio gli indumenti più pratici sono magliette e pantaloni, che occupano poco spazio.

Praticità, semplicità e versatilità sono le caratteristiche principali dell’abbigliamento “on the road”.

Pianificare un viaggio in auto significa poi preparare un piccolo kit di pronto soccorso, che consente di affrontare la trasferta con la massima sicurezza.

In auto non può mancare una riserva di acqua e cibo non deteriorabile (come crackers, gallette o biscotti) per fare fronte ad eventuali momenti di stanchezza e ipoglicemia.

Se si viaggia con bambini, è necessario munirsi di tendine oscuranti per i finestrini, che consentono di mantenere una climatizzazione ideale all’interno dell’abitacolo, anche durante le ore più calde della giornata.

Un’attenzione particolare deve essere rivolta agli animali che, come è noto, tendono a surriscaldarsi molto più velocemente delle persone.

Tra i vantaggi di una trasferta con la propria auto, c’è anche quella di organizzare nei minimi dettagli tutti gli aspetti del viaggio, senza il rischio di impreviste interruzioni dovute a scioperi.

I disagi del trasporto pubblico

Il trasporto pubblico sia per terra (treni o pullman) sia per mare (traghetti o navi) oppure per aria (aerei) può riservare sgradite sorprese quando i compagni di viaggio si sopportano a malapena.

In questi casi, l’obbligo di condividere spazi comuni per un certo tempo può diventare particolarmente gravoso.

Il clima caldo dell’estate contribuisce a rendere più faticose le trasferte, che viaggiando autonomamente possono essere interrotte per una sosta ristoratrice.

Pianificando un trasferimento in auto, è sempre consigliabile mantenere un certo margine di tempo libero, per riposarsi in momenti di stanchezza oppure per fermarsi in punti particolarmente suggestivi del percorso.

Può succedere infatti che, durante l’itinerario, si incontrino luoghi particolarmente suggestivi che richiedono una sosta supplementare.

Per avere la certezza di viaggiare tranquilli e di godersi appieno il trasferimento, è indispensabile che l’auto sia in ottime condizioni soprattutto in vista di lunghe trasferte diurne, quando il caldo può diventare un rischio per il benessere.

Pertanto è sempre consigliabile effettuare una completa revisione dell’auto prima di mettersi in viaggio, con particolare riguardo all’impianto di climatizzazione.

Come preparare l’auto per una trasferta

Gli interventi di manutenzione ordinaria da effettuare prima del viaggio riguardano un completo check up della componentistica meccanica, il controllo del sistema frenante, il cambio dell’olio, la revisione della batteria e del sistema luci, e la messa a punto dell’impianto di climatizzazione.

Per avere la certezza di mettersi in viaggio con la massima tranquillità, è sempre opportuno contattare un’autofficina di fiducia, come uno dei numerosi centri Euromaster presenti in Italia e in Europa.

In estate, con i climi particolarmente caldi e afosi delle nostre latitudini, succede spesso che il motore si surriscaldi, con conseguenze sulla sua funzionalità, oppure che la temperatura interna dell’abitacolo non sia adeguata.

L’impianto di climatizzazione, che utilizza un liquido refrigerante contenuto nel sistema di condizionamento, consente di mantenere condizioni termiche ottimali per il conducente e i viaggiatori.

Questi dispositivi richiedono comunque un’attenta manutenzione poiché con il tempo il fluido refrigerante tende ad esaurirsi e quindi è necessario mantenerlo sempre sopra al limite minimo.

Se bisogna intervenire con una ricarica aria condizionata auto, di solito sono presenti alcuni segnali identificativi, tra cui la comparsa di odori sgradevoli in auto, l’eccessiva umidità nell’abitacolo o la presenza di condensa sul parabrezza, il maggior consumo di carburante o rumori anomali dal motore.

Rivolgendosi a uno dei numerosi centri Euromaster presenti in tutta Italia, è possibile richiedere, anche on-line, una consulenza gratuita sullo stato dell’impianto di climatizzazione del veicolo e verificarne la sua effettiva funzionalità. Nel Lazio ci sono centri Euromaster nelle vicinanze delle principali città: Roma con più di dieci centri, Latina e Frosinone.

I tecnici specializzati, che operano presso le officine di questo gruppo, sono certificati per ricaricare e controllare correttamente impianti di climatizzazione di qualsiasi marca automobilistica e per analizzare il livello di liquido refrigerante, testando l’efficacia di tutti i meccanismi coinvolti.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento