22 Luglio 2021

Pubblicato il

Lo sapevate che...

Lavori digitali che si possono fare a casa

di Redazione

Sia che si parli di social o di siti web, le aziende hanno bisogno di contenuti testuali di qualità per farsi trovare sui motori di ricerca

Lavori digitali
Lo smart working e la possibilità di fare business

L’emergenza Covid ha messo in primo piano il ruolo fondamentale della tecnologia nelle nostre vite. Senza, parliamoci chiaro, non saremmo riusciti a superare la fase più difficile del cigno nero che ha sconvolto le nostre esistenze.

Nel momento in cui la si chiama in causa, è molto importante ricordare la possibilità di parlare di smartworking, ma anche di vere e proprie professioni digitali – si tratta di due concetti differenti – che, sei iniziate e portate avanti con metodo, possono favorire un miglioramento drastico della qualità di vita.

Se stai leggendo queste righe, significa che ti interessa sapere qualcosa di più in merito. Perfetto! Nelle prossime righe di questo articolo, puoi trovare alcune dritte utili al proposito.

Social media manager

I social sono piazze fondamentali per i brand che vogliono intercettare in maniera efficace la propria utenza. Nel momento in cui li si chiama in causa, è doveroso rammentare l’importanza di affidarne la gestione a un professionista qualificato, il social media manager. Quando si chiama in causa questa figura, è necessario ricordare la possibilità di specializzarsi su una piattaforma specifica – p.e. Facebook – o di procedere con un approccio generalista. Quello che conta è non smettere mai di studiare e formarsi su aspetti come l’advertising e la strategia.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Lavori su Amazon

Amazon è il re dei marketplace. Soprattutto nel corso dei momenti più duri dell’emergenza sanitaria, quando l’e-commerce ha avuto una penetrazione mai vista prima, i suoi affari sono volati alle stelle.

Come in un articolo di Antonio Vida, quando si nomina la creatura di Jeff Bezos è possibile parlare di diverse professioni digitali che possono essere portate avanti senza problemi da casa. Tra le alternative principali, rientrano senza dubbio le affiliazioni. Cosa sono di preciso? Quando le si nomina, si inquadra un approccio al lavoro online che prevede la proposta, su siti tematici specifici, di prodotti venduti da Amazon. Nel momento in cui si concretizza una vendita, si guadagna una commissione.

Da non dimenticare è anche la possibilità di fare business con il self publishing, di avviare uno store con i prodotti frutto della propria attività artigianale o di focalizzarsi sul dropshipping. Quello che conta, a prescindere dalla scelta, è non dimenticare la strategia e lo studio. Amazon fornisce diversi strumenti utili agli aspiranti imprenditori, ma l’improvvisazione non paga mai!

Copywriter

Non importa che si parli di social o di siti web: oggi come oggi, le aziende hanno bisogno di contenuti testuali di qualità per farsi trovare dagli utenti sui motori di ricerca o per persuaderli della qualità dei prodotti o dei servizi di un marchio. In questo caso, entra in gioco la professionalità del copywriter, che può occuparsi anche di UX Writing, ossia di quei microcopy – possiamo trovarli, per esempio, sui pulsanti di iscrizione alle newsletter – che aiutano a rendere più chiara e agevole la navigazione su un sito.

Assistente virtuale

L’assistente virtuale è una professione che sta guadagnando sempre più fortuna negli ultimi anni. La prima cosa da dire è che si tratta di una figura che ha cominciato a farsi strada negli USA, divenendo, piano piano, popolare anche nel nostro Paese.

Di cosa si occupa? Di attività che riguardano l’aspetto gestionale dei business dei propri clienti – p.e. l’agenda appuntamenti o la fatturazione – in modo da permettere loro di concentrarsi sugli aspetti che permettono alle singole attività di crescere. Da non dimenticare sono i vantaggi economici: trattandosi di un libero professionista, permette di risparmiare su diversi oneri ai quali si andrebbe incontro assumendo un addetto di segreteria in ufficio.

In alcuni casi, se ha sviluppato competenze specifiche può occuparsi anche di gestione di social o di blog. Tra le altre competenze che non dovrebbero mancare nel bagaglio di un assistente virtuale di qualità, rientra la capacità di gestire tool di project management e di insegnarne rapidamente l’utilizzo ai propri clienti.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento