Vuoi la tua pubblicità qui?
22 Settembre 2020

Pubblicato il

“Notte prima degli esami rubata”: per gli studenti italiani resterà incompiuta

di Redazione

Gli studenti italiani stanno vivendo una notte prima degli esami che non si compirà mai, ma resterà nei ricordi e nelle attese della gioventù

Notte prima degli esami...rubata
Notte prima degli esami...rubata

Notte prima degli esami. La Notte “rubata”

Di solito, lo sappiamo, gli “scippi” si compiono di giorno ma , da sempre, è la notte il periodo che favorisce il furto.

Di notte rubano ma, chi avrebbe mai immaginato che qualcuno osasse rubare “la Notte”? Quella speciale, sognata per anni, raccontata da fratelli e sorelle maggiori, dai genitori, dai nonni: “La notte prima degli Esami”, l’entrata nell’età matura, un vero e proprio rito di iniziazione.

Ore e ore a ripassare e a ripetere ciò che, precedemente, erano solo pagine noiose, ore di lezione da sopportare. Adesso, telefonate o What’s app di conferma. Un po’ di batticuore, genitori comprensivi e speranzosi ed anche, in cuor loro, orgogliosi.

“Come mi vesto domani? Jeans o pantaloni? Maglietta bianca o nera? Il trucco leggero o marcato? Gonna o pantaloni e, nel casso, quanto aderenti?

Speriamo negli Orali”

Domani c’è lo scritto di italiano -sai l’argomento? “Ma” forse Pirandello…Oddio!” e vai a ripetere Pirandello… passa-telefono, voci contrastanti : forse è Pavese, No! D’Annunzio…- che ansia. Un attimo di relax: molte delle cose già le sai e sai come descriverle.

E’ tardi, è ora di andare a dormire. Tutto è pronto ed anch’io.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La mattina, prima arriva l’una, poi l’altro, un sorriso un pò tirato.

Si forma il gruppo che si fa forza stringendosi l’uno all’altro.

Suona la campanella: i Professori indicano le destinazioni. Le bidelle, dopo 5 anni che ti rimbrottano, hanno gli occhi lucidi: un pò della loro gioventù che se ne va.

Alcune ore, alcuni giorni: entrati da adolescenti escono ora da piccoli uomini e piccole donne.

Una prova di iniziazione che nessuno potrà più levare loro.

16 giugno 2020, domani, da solo, andrò a farmi interrogare in un’aula metallica, io so già che verrò promosso, ieri non ho studiato: ho giocato a Videogames.

Mi hanno rubato una notte, non me ne sono neanche accorto.

Di Alberto Cava

Leggi anche:

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento