28 Ottobre 2021

Pubblicato il

No al canone Rai, la battaglia del Partito Animalista Europeo

di Redazione
Secondo il PAE la Rai non garantisce la libera e corretta informazione: "Esortiamo a non pagare il canone"

"Esortiamo tutte le persone sensibili alla causa animalista a non pagare il canone Rai", con queste parole, Stefano Fuccelli, presidente del Partito Animalista Europeo, rilancia la campagna anti Telethon. A finire nel mirino degli animalisti, stavolta, è il servizio pubblico in qualità di fido alleato del consueto appuntamento di beneficenza. La Rai è accusata "d'aver arbitrariamente deciso di sponsorizzare soltanto e unicamente Telethon e similari con i soldi pubblici provenienti quindi anche da chi, come confermato dall'oltre l'80% degli italiani, è contrario alla sperimentazione animale". 

Ma non finisce qui. Come osserva Fuccelli, "è stato richiesto di inserire all'interno del palinsesto televisivo e radiofonico Rai programmi di divulgazione ed informazione circa i metodi di ricerca scientifica alternativi/sostitutivi e avanzati senza uso di modelli animali, quegli stessi metodi che negli USA vengono finanziati con 200 milioni di dollari dal Governo americano".

Se, come sottolinea Fuccelli, le aspettative dell'80% dei cittadini, ovvero la schiacciante maggioranza degli italiani, che vorrebbero dare più spazio all'informazione circa le metodologie di ricerca alternative a quelle che utilizzano il modello animale, non vengono tenute in considerazione, allora "più che servizio pubblico la Rai è al servizio dei pochi potenti collusi con la solita lobby del farmaco".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo