Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Luglio 2022

Pubblicato il

A conferma dell’inutilità delle sanzioni euro-americane

Gas, Eni apre due conti presso Gazprombank, uno dei quali in rubli

di Mirko Ciminiello
L’azienda governativa avvia le procedure per ottemperare alle richieste russe, anche se conferma i pagamenti in euro: indispettendo Bruxelles (e smentendo il Premier Draghi)
Sede dell'Eni, Gas
Sede dell'Eni

Casomai ci fossero stati dubbi in proposito, la pretesa unità dell’Europa di fronte al conflitto in Ucraina è (di nuovo) finita in gas. E stavolta a sancirlo è stata l’Italia, per interposto (ex) Ente Nazionale Idrocarburi – per gli amici Eni. Che contestualmente è riuscito anche a smentire, in modo piuttosto paradossale, lo stesso Governo da cui dipende.

Sede dell'Eni, Gas
Sede dell’Eni

Il comunicato di Eni

«Eni […] ha avviato in via cautelativa le procedure relative all’apertura presso Gazprom Bank dei due conti correnti denominati K, uno in euro ed uno in rubli». Così, attraverso un comunicato stampa, l’azienda guidata da Claudio Descalzi ha annunciato l’imminente ottemperanza alle richieste giunte dalla Russia.

Claudio Descalzi, Gas
Claudio Descalzi

Tale decisione è stata «condivisa con le istituzioni italiane» e presa «nel rispetto dell’attuale quadro sanzionatorio internazionale», poiché i versamenti verranno ancora eseguiti in euro. Un escamotage che, come ricorda l’ANSA, è già stato posto in essere da numerose società del Vecchio Continente.

Gas russo
Gas russo

In merito, occorre precisare che le linee guida emanate da Bruxelles affermano solamente che il saldo va effettuato con la valuta comunitaria o americana. Tant’è che il cane a sei zampe ha dichiarato che «l’adempimento degli obblighi contrattuali si intende completato con il trasferimento in euro». Benché secondo il francese Eric Mamer, portavoce-capo della Commissione Europea, l’apertura di un secondo conto in rubli vada «oltre le indicazioni date agli Stati membri».

Le conseguenze della “guerra del gas”

In ogni caso, la mossa del gruppo energetico del Belpaese nella “guerra del gas” ha anche altre conseguenze, di natura più culturale. Per esempio, conferma che avevamo ragione quando scrivevamo che le misure imposte dalla Ue sotto dettatura degli Usa si sarebbero rivelate inefficaci, se non proprio controproducenti.

Sanzioni contro la Russia, Gas
Sanzioni contro la Russia

Un concetto espresso peraltro dallo stesso Vladimir Putin che, come riferisce TGCom24, ha preconizzato che l’Occidente stia per realizzare «una sorta di suicidio energetico». In caso di embargo al petrolio di Mosca, ha continuato lo Zar, «l’Europa sarà la regione con il più alto costo dei prezzi dell’energia».

Vladimir Putin
Vladimir Putin

E in qualche modo Christian Lindner, Ministro delle Finanze tedesco, gli ha già dato ragione. Avvisando, in un’intervista al Corsera, che uno stop immediato alle forniture di gas russo «provocherebbe gravi danni all’economia» della Germania.

Christian Lindner
Christian Lindner

Per restare invece nel nostro orticello, si può tornare con la mente all’ormai celeberrimo dilemma del Premier Mario Draghi: «Preferiamo la pace o il condizionatore acceso?»

Un aut aut a cui, a quanto pare, l’ente governativo ha fornito una risposta indiretta. Perché davanti alla propaganda (anche a quella “buona”), alla fine la realtà, o almeno la realpolitik finisce sempre per vincere.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo