Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Gennaio 2023

Pubblicato il

Sanità malata

Udine, aggressione dottoressa. Paziente tenta di strangolarla: “Cambierò mestiere”

di Redazione
La specializzanda ha subito un principio di strangolament. Un'escalation quotidiana di violenza contro medici e infermieri
Aggressione dottoressa a Udine

Udine, l’ennesima gravissima aggressione fisica ai danni di un medico, un pubblico ufficiale che lavora per la salute dei cittadini. Questa volta succede a Udine e la vittima è una specializzanda di 28 anni. Le immagini shock che ritraggono i segni rossi sul collo della donna si trovano sui social.

Udine, dottoressa aggredita: principio di strangolamento

Il medico che ha subito un principio di strangolamento, mentre di sabato sera era di turno come guardia medica a Udine, e l’autore è l’accompagnatore di un paziente.

L’uomo ha minacciato la dottoressa e in seguito le ha messo le mani al collo stringendo fino a farle mancare il respiro prima di scappare perché una collega è intervenuta per difendere la giovane donna. Da quanto ha raccontato la specializzanda, i carabinieri hanno già identificato l’uomo.

 “Chiediamo più tutela nello svolgimento del nostro lavoro. Non è possibile che un medico nell’esercizio delle proprie funzioni venga aggredito per aver invitato un paziente, dopo avergli prestato le cure ritenute opportune, a recarsi in Pronto soccorso nel suo interesse; non è ammissibile rischiare la propria vita sul posto di lavoro perché non si è abbastanza tutelati, perché spesso il medico di continuità assistenziale viene considerato un medico di serie B”.

“Ricordatevi che dietro il camice ci sono prima di tutto persone e non esiste che un essere umano aggredisca un altro essere umano, un medico (peraltro pubblico ufficiale) attentando alla sua vita, senza contare gli insulti e le minacce!”. La specializzanda ha anche annunciato di voler lasciare l’ambito medico e voler cambiare mestiere a causa del trauma.

Le dichiarazioni del ministro Schillaci

 “Episodi di aggressione fisica e verbale a medici e infermieri, come quelli che si ripetono con sconcertante frequenza, non sono più ammissibili. Al personale sanitario va tutta la mia solidarietà e vicinanza; il Ministero della Salute metterà in atto tutte le iniziative necessarie a tutelare la loro incolumità”.

Lo dice, in una nota, il ministro della Salute Orazio Schillaci che aggiunge: “Il Piano Nazionale della Prevenzione, inoltre, prevede una specifica azione centrale proprio in tema di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori, con l’obiettivo di promuovere e ampliare le tutele in maniera integrata, approccio che rappresenta un punto chiave all’interno dei progetti finanziati nell’ambito del Piano Nazionale Complementare al PNRR“.

Associazione Medici e Odontroiatri

L’Associazione Medici e Odontoiatri liberi professionisti (AMOlp) esprime la più totale solidarietà ai colleghi che in questi giorni sono stati vittime di aggressioni fisiche ingiustificate durante l’espletamento della loro attività. “AMOlp chiede a tutti gli organi istituzionali e politici un impegno concreto. Siamo di fronte a una escalation di aggressività e di violenza, fomentata anche dai social, che impone una gestione della sicurezza del personale sanitario soprattutto in certi contesti e in certi orari.

I numerosi allarmi che giungono quotidianamente dalla cronaca non possono e non devono passare inosservati o assumere rilevanza mediatica solo dopo eventi ancora più drammatici sebbene allo stato purtroppo prevedibili.

L’esercizio della professione medica merita rispetto e in alcun modo e per nessun motivo va messa in pericolo l’incolumità di tanti colleghi che quotidianamente e con abnegazione, svolgono il loro instancabile lavoro per la salute dei cittadini”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo