Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Maggio 2022

Pubblicato il

Tv, quando si presume di essere più importanti dell’evento stesso

di Marco Vittiglio
Il potere della televisione riesce a convincere molti protagonisti e addetti ai lavori di essere di gran lunga più importanti dell'evento stesso

Il potere della televisione riesce a convincere molti protagonisti e addetti ai lavori di essere di gran lunga più importanti dell’evento stesso. In questi ultimi tempi  la piaga del Coronavirus imperversa in lungo e in largo in tutti i palinsesti televisivi, ma nonostante si tratti di un argomento del quale a parlare dovrebbero essere medici, scienziati, virologi ed epidemiologi, molti conduttori televisivi di turno si ergono a mentori di verità assolute e inutili quanto sterili lezioni tutorial sulla detersione delle mani e lo sfilamento dei guanti, finendo così a far perdere le staffe ai luminari della medicina. E’ il caso di Live non è la D’Urso, dove il grande prof . Zangrillo ha chiesto a più riprese di non improvvisarsi, come già da noi anticipato, virologi, epidemiologi, medici e scienziati.

Nonostante le affermazioni mirate del luminare, la conduttrice ha continuato nel porre domande e una dopo l’altra sono state demolite dal professore ma tutto ciò è sembrato non voler essere preso in giusta considerazione, vero è che il professor Zangrillo ha voluto chiudere il discorso ammonendo tutti i non addetti ai lavori nel non improvvisarsi in ciò che non si è. Come se non bastasse la conduttrice, con circa 10 giorni di ritardo, propone ai telespettatori servizi datati e già postati sui social, inerenti a farmaci che potrebbero combattere il coronavirus, al pari del famoso video del 2015 trasmesso dal tg Leonardo e già ampiamente commentato, continuando a discuterne con opinionisti e giornalisti, senza però interpellare nessun luminare della Medicina, scatenando così l’ennesima diatriba tra incompetenti, pronti a ringhiarsi contro, senza peraltro conoscere il motivo del contendere, salvo poi interrompere continuamente i medici intervenuti, proprio nei momenti in cui stanno rispondendo ai quesiti posti.

di Marco Vittiglio, giornalista e critico televisivo

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo