Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Dicembre 2021

Pubblicato il

Tra il serio e il faceto l’insurrezione “sorridente” di Magalli

di Redazione
Le dichiarazioni del conduttore a proposito della sua surreale candidatura al Colle nelle Quirinarie online del Fatto

Le Quirinarie, web consultazione indetta da Il Fatto Quotidiano, sono arrivate al secondo turno. I voti complessivamente espressi sono 61,147 di cui 17,367 sono andati a Rodotà, il giurista, che si aggiudica il primo gradino del podio, seguito da Imposimato (7883) e Zagrebelsky (3988). 

Vuoi la tua pubblicità qui?

In attesa di vedere come proseguiranno le Quirinarie, tra gli esclusi dal podio non possiamo non far caso ad una figura insolita. A lui, a Gian Carlo Magalli, che ha chiuso il primo turno piazzandosi all’ottavo posto con 1887 voti. Il conduttore de “I fatti vostri”, dalla gag della sua candidatura in poi, è diventato un’inarrestabile icona fantapolitica: tutti lo cercano, ammiratori/elettori, giornalisti e conduttori. Così la burla assume le dimensioni di una cosa semi-seria. “La volata ne il sondaggio de Il Fatto ha provocato moltissime reazioni” osserva Magalli, il quale confessa d’esser stato contattato da “Bruno Vespa, Tg2, Tg4, Tg5, Agorà e una quindicina di giornalisti”.

Magalli a questo punto si gasa, parla di “insurrezione sorridente”, si comincia a sentire il paladino di qualcosa che ha la velleità di andare oltre lo scherzo. La frittata è fatta. “La faccia da mettere è importante, ma quelle che contano sono le facce da togliere”, ha osservato il conduttore a proposito del futuro presidente, ringraziando “i tanti amici del web” che lo hanno scelto. Ma scelto per far cosa? Di cosa si è convinto, con la complicità dei media e di qualche abile goliarda, il buon Magalli? Forse di dover mandare un segnale alla politica italiana? Ma a tutto questo non ci aveva pensato già Beppe Grillo, quando usò la sua comicità come strumento per scardinare il sistema? E con quale risultato? Non è ben chiaro, e appare poco verosimile che la auspicata rinascenza politico-istituzionale si pretenda, ancora una volta, di farla passare dalla improvvisazione di qualcuno.

Eppure Magalli ci crede, sono qui per compiere “un gesto simbolico” dice: “La mia faccia è a disposizione di chi vuole usarla per esprimere il suo sdegno, la sua indignazione ma soprattutto la sua speranza”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo