06 Maggio 2021

Pubblicato il

Torre Angela, in piazza per l’arrivo di altri immigrati

di Redazione

Ieri sera i cittadini si sono radunati nei pressi del Parco di Celio Caldo

Torre Angela scende in piazza. Ieri sera, circa 700 si sono trovate intorno alle 21,00 presso il Parco di Celio Caldo. Una manifestazione spontanea contro il degrado, ma anche contro l’ipotesi dell’arrivo, “come già annunciato dal Municipio, di altre centinaia di profughi” – ci spiegano dal CAOP Ponte di Nona, che ha preso parte alla manifestazione.

“La gente di questo è preoccupata, perché il territorio ha già dato in questo nei mesi scorsi e lì dove mancano servizi essenziali per il territorio da anni, non è piacevole per i residenti vedersi occupare ulteriormente strutture per accogliere altri immigrati quando queste strutture potrebbero essere principalmente utilizzate proprio per quei servizi che da anni aspettano” – continuano dal CAOP.

“Siamo fieri di essere stati presenti al fianco di questi cittadini giustamente esasperati a non finire, dato anche l'abbandono e la mancanza di rispetto da parte delle Istituzioni nei loro confronti che
continua in un atteggiamento senza risposte alle loro giuste dimostranze e giuste richieste di tanti chiarimenti in merito al continuo arrivo di immigrati, in particolare ad un prossimo arrivo ancora più massiccio che desta in loro non poche preoccupazioni” – si legge in una nota, sempre a firma del CAOP.

Prima della manifestazione, è stato fatto un giro di ricognizione nel quartiere: “Ci siamo resi conto che quello che dimostrano non è certo abbaiare alla Luna, i problemi a Torre Angela sono moltissimi in tema di sicurezza per non parlare poi dei tanti servizi che mancano per dare dignità ad un territorio perché possa chiamarsi tale ed avere la possibilità di essere vivibile nelle situazioni essenziali e necessarie alla collettività tutta” – concludono dal CAOP Ponte di Nona.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento