Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Ottobre 2020

Pubblicato il

#iorestoacasa

The Joshua Tree degli U2 è il disco della quarantena di oggi

di Massimo Giorgi

The Joshua Tree in breve tempo dominerà le classifiche di tutto il mondo, Italia compresa e consentirà loro per la prima volta di riempire gli stadi

The Joshua Tree, U2
The Joshua Tree, U2

Con The Joshua Tree degli U2, oggi i dischi della quarantena raccontano di quando la band di Dublino corse, per dirla con le parole di Bullet the blue sky, tra le braccia dell’America. Bono Vox e soci mettono in soffitta i mullet d’ordinanza e si rifanno il look prendendo come modello l’iconografia biker per il loro personale viaggio nelle strade polverose degli Stati Uniti.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I frutti del viaggio li raccoglieranno con The Joshua Tree che in breve tempo dominerà le classifiche di tutto il mondo (Italia compresa, e al tempo fu quasi uno shock) e consentirà loro per la prima volta di riempire gli stadi. Per non farsi mancare niente arriverà addirittura una copertina del Time a certificare lo status di popolarità raggiunta dalla band. Cosa che a mio parere, vista col senno del poi, comincerà a far perdere ai nostri il contatto con la realtà.

The Joshua Tree e i singoli trascinanti

With or Without You e I Still Haven’t Found What I’m Looking For sono i singoli a traino dell’album e ormai le conoscono anche i sassi. Grazie all’incessante heavy rotation delle radio e dei canali tv a tema musicale la band acquista in breve tempo una popolarità mondiale. Ma è tra le pieghe più nascoste dell’album che troviamo la vera anima del disco in ballate piene di impegno sociale ancora “genuino”. Come Red Hill Mining Town, canzone che supporta i minatori britannici vessati dalla Thatcher. Mothers Of The Disappeared è una dedica alle Madri di Plaza de Mayo e alla memoria dei desaparecidos argentini.  Bullet the blue sky punta il dito verso i soprusi subiti dai contadini del Nicaragua.

Un album culturalmente significativo

L’eco degli degli spazi sconfinati e del deserto americano risuonano in Trip Through Your Wires e In God’s Country. La mia preferita del lotto è l’apocalittica Exit, storia di un serial-killer, scandita da un martellante giro di basso per poi esplodere nel rumorosissimo e potentissimo finale.

Un successo planetario dicevamo, certificato dalle trenta milioni di copie vendute. A suggellare il tutto l’inserimento nella Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d’America in quanto “culturalmente, storicamente, ed esteticamente significativo”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento