Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Dicembre 2021

Pubblicato il

E gli scienziati tornano a dividersi…

Terza dose per tutti, quale sarebbe la ratio scientifica dietro la misura?

di Mirko Ciminiello
Per esperti e politici come Sileri il booster a gennaio serve a contenere la risalita dei contagi: che però hanno poco impatto sulle ospedalizzazioni, e zero sulle terapie intensive
vaccinazione, terza dose per tutti
Vaccinazione anti-Covid

E ora nelle pagine del nuovo settore giornalistico della cronaca clinica inizia a farsi largo l’eventualità di una terza dose per tutti. Ultimo fronte aperto nel corso della lotta al Covid-19, che però è anche un fronte interno tra esperti. I quali sono più divisi di quanto possa sembrare a prima vista – e non solo su questa tematica.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Da gennaio terza dose per tutti?

«Entro l’anno si procederà a somministrare la terza dose per anziani e personale sanitario. Poi da gennaio al resto della popolazione, scaglionato in base a quando è stata somministrata la prima e la seconda dose».

pierpaolo sileri
Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri

Così Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Sanità, ha delineato i contorni di un’ipotesi – quella dell’ulteriore richiamo – che vede concorde buona parte del mondo accademico e istituzionale. Cominciando dal Premier Mario Draghi, che ha confermato che «si procederà in ordine di importanza, di fragilità, di vulnerabilità, di età, per differenti categorie».

D’altronde Silvio Brusaferro, portavoce del Comitato tecnico scientifico, aveva definito il terzo booster generalizzato (o secondo, per chi ha ricevuto il monodose Johnson&Johnson) «uno scenario verosimile». E in termini simili si era espresso anche Franco Locatelli, coordinatore dello stesso Cts.

franco locatelli
Il presidente del CSS e coordinatore del Cts Franco Locatelli

L’obiettivo primario, come ha spiegato ancora Sileri, è «evitare nuovi contagi» in un periodo in cui l’indice Rt è tornato a salire. E «con l’aumento dei casi aumenta il rischio che si diffondano nuove varianti» ha ammonito l’esponente pentastellato.

Divisioni tra gli scienziati

Eppure, la ratio scientifica dell’eventuale terza dose per tutti non è particolarmente limpida. Per il semplice motivo che la crescita delle infezioni ha un impatto minimo sulle ospedalizzazioni, e nullo sui ricoveri in terapia intensiva. Il che significa che riguarda quasi esclusivamente soggetti asintomatici o paucisintomatici. Oltretutto è vero che l’Ema ha autorizzato la misura per tutti gli over 18, ma l’Oms continua a sostenere che non ve ne sia alcuna necessità.

Peraltro, questa non è l’unica diatriba tra studiosi. Si pensi che per mesi è stato indicato l’obiettivo del 70% di immunizzati. Ora invece Gianni Rezza, DG della Prevenzione sanitaria presso il Ministero della Salute, ha affermato che «per tenere sotto controllo il coronavirus» occorre «la soglia del 90%». Che, per inciso, non è neppure troppo lontana visto che, mentre scriviamo, l’82,35% della popolazione ha completato il ciclo vaccinale.

gianni rezza
Il Direttore Generale della Prevenzione presso il Ministero della Salute Gianni Rezza

Tuttavia, queste giravolte non possono che ingenerare ulteriore confusione e diffidenza, quando invece ci vorrebbe una buona dose (è il caso di dirlo) di ottimismo. Forse l’unica su cui nessuno – esperto o non esperto – potrebbe avere veramente nulla da ridire.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo