12 Giugno 2021

Pubblicato il

Televisione: “Fuori dal coro” di Mario Giordano, più che altro fuori ruolo

di Marco Vittiglio

I talk che rappresentavano il piatto forte delle serate televisive, stanno inesorabilmente crollando nei confronti dei cosiddetti programmi leggeri

I talk che fino a un paio di stagioni passate rappresentavano il piatto forte delle serate televisive, stanno inesorabilmente crollando nei confronti dei cosiddetti programmi leggeri. Ormai il telespettatore e saturo di proclami e delle continue bagarre tra i politici e opinionisti di turno, che a quanto sembra non abbiano più nulla da dire per stupire e calamitare l'attenzione del telespettatore. Premesso questo, riteniamo che ergersi a protagonista assoluto da parte di questo o quel conduttore, sia una scelta strategica che alla lunga potrebbe non pagare in relazione alla ricerca dello share televisivo. In questo caso ci riferiamo a Mario Giordano, giornalista di primissimo piano, professionista esemplare, ma che nel ruolo del mentore assoluto del sapere, secondo noi non centra l'obiettivo. Un conto sono le inchieste e il modo di trattare gli argomenti di attualità, altra cosa è tentare di essere simpatico a tutti i costi cercando il colpo di teatro con urla e frasi ironiche che spesso non trovano riscontro da parte del telespettatore. Ci chiediamo perché non limitarsi a ciò che si sa fare bene e in maniera ineccepibile, anziché inoltrarsi in percorsi che potrebbero riservare sorprese non gradite dallo share?

di Marco Vittiglio, giornalista, critico televisivo

Televisione: "Chi l'ha visto" e "Quarto grado" sempre più imitati

Tv: e per gli appassionati dei film di paura basta seguire il telegiornale

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento