14 Luglio 2021

Pubblicato il

Teatro Parioli Peppino de Filippo va in scena la “Mandragola”

di Redazione

I personaggi della Mandragola si affannano e tendono trame in una società i cui soli motori sono il profitto e la lussuria

Dal 4 al 7 febbraio, al Teatro Parioli Peppino de Filippo di Roma, va in scena  la ”Mandragola“, di Niccolò Machiavelli, adattamento Matilde D’Accardi, regia di Alessandro Marmorini, con: Carlo Di Maio, Michele Lisi, Davide Paciolla, Alice Pagotto, Matteo Prosperi costumi Valentina Matteoni (Emporio del Kloor’a’Kawn). La commedia di Niccolò Machiavelli ripresa da una Compagnia di giovani attori e prodotta da “I due della città del sole” in collaborazione con Sus Babi Teatro.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“I personaggi della Mandragola si affannano e tendono trame in una società i cui soli motori sono il profitto e la lussuria: dove lo spettro del peccato e dell’inferno medievale è stato oramai esorcizzato da un bieco opportunismo e la giustizia riposa tra gli sbiaditi contorni della frase “quello è bene che facci bene ai più e che i più se ne contentino”. Una società, quindi, ben poco differente dalla nostra. Scritto tra il 1514 e il 1518 questo badalucco (così lo definisce l’autore) narra le vicende fiorentine di Callimaco, un “amante meschino” che guidato da un “parassita di malizia il cucco” di nome Ligurio, tenta con un artificioso e rocambolesco inganno ai danni del poco astuto Dottor Nicia, di giacere con la moglie di quest’ultimo: la purissima Lucrezia, la cui fama di bellezza è tale da raggiungere Parigi.

La divertente truffa dell’autore del Principe tenterà, di smascherare l’ipocrisia celata dietro la parola giustizia da una generazione imbastardita come è quella degli attori che rappresenteranno la commedia; interpretando sul palco dei funambolici personaggi in equilibrio sul sottile confine tra interesse ed etica. La bassezza dei moventi e la finezza strategica dei mezzi, la prosaicità degli intenti e la chirurgica ratio nell’agire, fanno sì che oggi (come ai tempi di coloro le cui vicende ci narra Machiavelli) il mezzo è spesso in grado di obliare il fine, soverchiandolo oltre che giustificandolo. Per questo scivolando sulle macerie di valori lasciati da una crisi che ha stravolto le coscienze, i personaggi della Mandragola si prestano perfettamente a diventare exempla di quella che potrebbe essere una divertente quanto desolante rifondazione di un catalogo di valori contemporanei”. (Alessandro Marmorini )

Orario spettacoli: giovedì 4 febbraio ore  10,30, venerdì  5 febbraio  ore 10,30, sabato 6 febbraio ore 21, domenica  7 febbraio ore 17

Teatro Parioli Peppino De Filippo  Via Giosuè Borsi 20, 00197 – Roma

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento