17 Settembre 2021

Pubblicato il

“Summertime” nel parco della Casa del Jazz

di Redazione
Ritorna Summertime, la rassegna estiva di concerti all’aperto nello splendido parco della Casa del Jazz: ecco i primi nomi

Aprirà l’edizione 2016 di “Summertime”, un’estate di concerti all’aperto nel parco della Casa del Jazz, giovedì 30 giugno, il trio DADO MORONI /EDDIE GOMEZ/JOE LA BARBERA con il progetto “Kind of Bill”. Il titolo di questo tributo, KIND OF BILL, è anche il titolo di un brano di Joe La Barbera e descrive perfettamente l'intento del progetto creato dal pianista Dado Moroni, il quale non ha mai nascosto il suo amore per la musica di Evans, dal bassista Eddie Gomez e dal batterista Joe La Barbera che negli anni hanno dato un enorme contributo alla musica di Evans infondendo nuova linfa nelle idee del pianista.

Questo è anche un tributo a loro per quello che hanno fatto allora e continuano a fare adesso, mantenendo viva la magia con i loro progetti e le parole KIND OF BILL significano esattamente questo: un omaggio che non include solamente le composizioni di Bill ma anche standards che sotto le sue dita sono divenuti brani quasi totalmente nuovi e originali, e composizioni scritte da Moroni, Gomez e La Barbera

Sabato 9 luglio sul palco del parco della Casa del Jazz una grandissima interprete del jazz internazionale: DEE DEE BRIDGEWATER with Theo Croker & DVRKFUNK. La signora del jazz torna a Roma insieme ad una band di giovanissimi leoni capitanati da Theo Croker, il trombettista scoperto dalla Bridgewater che sta conquistando le platee di mezzo mondo. Un’energia unica quella della Bridgewater che trova nuova linfa nel confronto con il groove e la forza dirompente dei suoi compagni di viaggio.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il rapporto d’amore tra la Bridgewater e l’Italia è cosa nota e il suo pubblico non perde occasione per vederla incendiare i palchi con la sua miscela di Jazz e R’n’B. In occasione della alla Casa del jazz, la Bridgewater presenterà alcuni brani tratti dal suo ultimo lavoro discografico “Dee Dee's Feathers”, un disco dedicato a New Orleans in memoria della tragedia dell’uragano Katrina.

Venerdì 15 luglio,TOM HARRELL TRIP.Un quartetto piano-less che si è formato in seguito alla richiesta di Dave Douglas a Tom Harrell di scrivere nuova musica per il Festival New Trumpet Music. Harrell descrive il quartetto come un gruppo da camera, in cui ogni strumento ha un ruolo ugualmente importante. Trip oltre allo stesso Tom Harrell alla tromba ospita il sassofonista Ralph Moore, Ugonna Okegwo, bassista di Harrell da tanto tempo, e il batterista Adam Cruz. La pubblicazione dell'album nel 2014 è stata seguita da tour nel 2015. Harrell ha ricevuto il suo decimo Sesac Jazz Award per l'album nel gennaio di quest'anno.

Martedì 19 luglio un supertrio, DEJOHNETTE – COLTRANE – GARRISON: Jack DeJohnette batteria, pianoforte, Ravi Coltrane, sax tenore e Matt Garrison, basso che presenteranno in concerto il loro nuovo lavoro discografico “In Movement“. In questo nuovo progetto del trio di DeJohnette c’è molta storia. Cinquant’anni fa, come ospite del gruppo di John Coltrane, Jack DeJohnette aveva suonato con i padri di Ravi Coltrane e di Matthew Garrison e In Movement apre proprio con un omaggio a Coltrane: “Alabama”. Sono presenti anche altre cover tra cui la classica “Blue In Green” di Miles Davis con Bill Evans (Jack è uno dei pochi musicisti ad aver suonato nei gruppi di entrambi) e “Serpentine Fire”, dal songbook Earth, Wind and Fire, tributo a Maurice White, il quale aveva anche lui collaborato con Jack nei primi anni.

“The Two Jimmys” è un omaggio a Jimi Hendrix e Jimmy Garrison, entrambi innovatori e “Rashied” è un omaggio a Rashied Ali, un grande batterista dell’area di Coltrane. Con tutta questa ricchezza di riferimenti, questa è davvero una band in movimento, come sottolineato dal titolo dell’album. Ravi Coltrane e Matt Garrison entrambi al loro primo album per ECM rispondono magnificamente alla batteria di DeJohnette.  Il batterista dice «siamo connessi a livelli molto alti e profondi ed avviene attraverso la musica». L’album è stato registrato a New York negli Avatar Studios nell’ottobre 2015 e prodotto da Manfred Eicher.

Martedì 26 luglio,altro super quartetto,THE ABERCROMBIE QUARTET:John

Abercrombie, chitarra, Marc Copland, pianoforte, Drew Gress ,contrabbasso e Joey Baron, batteria. Una simile collaborazione piano-chitarra non si vedeva dai tempi di Bill Evans e Jim Hall. Tutti i musicisti di questo quartetto sono riconosciuti come innovatori che continuano a espandere i confini della musica, mantenendo allo stesso tempo la loro ferma connessione con la tradizione jazzistica. In Drew Gress e Joey Baron, Abrcrombie e Copland  hanno trovato un team con il quale condividere lo stesso percorso.

Mercoledì 27 luglio, DAVE DOUGLAS & HIGH RISK: Dave Douglas, tromba, Shigeto, electronic, Jonathan Maron, basso elettrico, synth bass e Ian Chang batteria. “High Risk” è un nuovo entusiasmante quartetto elettro-acustico guidato da Dave Douglas. All’avanguardia del jazz moderno e la musica elettronica, ”High Risk” incorpora elementi di improvvisazione nel suo sound, nel suo beat e nei suoi pezzi. Al basso e alla batteria i leader della scena attuale, Jonathan Maron e Mark Guiliana, esplorano nuovi territori attraverso la manipolazione elettronica  e del groove.

Grazie all’intervento, che va e viene, del DJ e remixer Shigeto, il gruppo fonde lirismo melodico, lo stuttering, l’elettronica ruvida le profonde linee di basso e la batteria trainante. Ponendo la pietra di volta dell’ensemble sulla frenesia pionieristica, questo quartetto è l’ultimo capitolo nel coinvolgimento di Douglas nel jazz elettronico un’eccitante e colorata nuova esposizione di possibilità di improvvisazione.

Sono in via di definizione altre date che andranno a completare il  programma dell’edizione 2016 di  Summertime  nel parco della Casa del Jazz.

Casa del Jazz: viale di Porta Ardeatina, 55

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo