14 Luglio 2021

Pubblicato il

Crimine a Settebagni

Roma Settebagni, distruggono 26 auto nel parcheggio sotto lo sguardo dei residenti

di Chiara Fedeli

In due a compiere lo sconvolgente e allarmante gesto in zona Settebagni. Mentre distruggevano le auto, altri tre aspettavano in macchina

Cinque persone nella notte hanno distrutto ben 26 autovetture posteggiate nel parcheggio di via Wanda Osiris, in zona Settebagni, Parco delle Sabine. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Qui comandiamo noi!” hanno urlato i criminali al ragazzo che, dal proprio balcone, ha detto loro di fermarsi. I residenti, in un misto fra incredulità, rabbia e preoccupazione per quanto accaduto, non possono far altro che sperare che nessuno attenti ancora alle loro macchine, ma sentono minacciata anche la loro stessa sicurezza. 

Il modo in cui le 26 auto sono state massacrate e private dei loro componenti, infatti, dimostra oltre al furto in sé, rabbia e voglia di prevaricazione. I vetri distrutti, i portabagagli aperti ne sono testimonianza. E poi ancora, come se non bastasse, i criminali hanno portato via gomme e cerchioni. 

Sono in molti a parlare di “ragazzi” e di “vandali”, quasi riconducendo il tutto alla più classica ragazzata. Si tratta, invece, di veri e propri criminali, e come tali vanno temuti e trattati. Il rischio è altrimenti quello minimizzare un problema che in zona, ma in tutta la città, è sempre più evidente.

I furti delle auto e dei pezzi che le compongono sono all’ordine del giorno nella Capitale. Famosi a tal proposito sono i casi dei ladri di Smart, i cui proprietari non ritrovano più pneumatici, specchietti, marmitte, anche si tratta di un fatto che tocca tutte le autovetture. Ma se già un furto preoccupa, un atto vandalico del genere, gratuito e ingiustificato, è un forte campanello d’allarme. E, come tale, richiede un intervento il più tempestivo possibile

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento