22 Giugno 2021

Pubblicato il

Roma, Non accettava la fine della storia con la moglie e la maltrattava

di Redazione

L'ex marito aveva assunto questo tipo di atteggiamento possessivo e violento nei confronti della moglie da circa 10 anni

Ieri mattina, i Carabinieri della Stazione Roma Via Vittorio Veneto hanno arrestato un 39enne, cittadino dello Sri Lanka, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Roma, per atti persecutori, maltrattamenti e lesioni personali ai danni della ex-moglie.

L'uomo, sposato da circa 18 anni con una 33enne connazionale, non ha mai accettato la fine della loro storia. Dopo reiterati maltrattamenti e aggressioni subiti, la vittima ha trovato il coraggio di denunciare tutto ai Carabinieri: in varie occasioni, si è trovata l'uomo violento sotto lo stabile dove si è trasferita da circa due anni. 

In un episodio, l'ex, geloso, ha atteso la donna sotto il portone e, appena l'ha vista uscire, le si è avvicinato e l'ha prima aggredita e poi le ha strappato il cellulare che teneva tra le mani, in modo da controllare le varie chat e il registro chiamate. Inoltre, la vittima ha riferito ai militari che l'ex marito aveva assunto questo tipo di atteggiamento possessivo e violento nei suoi confronti, da circa 10 anni e che in alcuni casi è dovuta ricorrere a cure mediche, per varie aggressioni fisiche patite.

Vista la gravità della situazione, i Carabinieri hanno deciso di avviare un'accurata attività d'indagine tesa a ricostruire i reiterati comportamenti illeciti del 39enne nei confronti della sua ex moglie, ottenendo l'ordinanza che dispone l'applicazione della misura cautelare in carcere per l'uomo.

LEGGI ANCHE

Roma, Traffico congestionato su intero anello Grande Raccordo Anulare

Ostia, Lotta tra Clan: Arrestato responsabile duplice tentato omicidio

Roma, Robilotta (Epi): Emergenza rifiuti responsabili Istituzioni locali

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento