15 Aprile 2021

Pubblicato il

Roma, Nando Casamonica: Ai 2 aggressori bisognerebbe spezzargli le gambe

di Redazione

Parla il fratello di Vittorio Casamonica, le cui immagini dei funerali fecero il giro del mondo

Nando Casamonica è il fratello di Vittorio, il cui funerale coreografico ha fatto discutere tutta l'Italia. E' l'ultimo patriarca della famiglia, ha 77 anni. Cosa ne pensa della brutale aggressione alla ragazza disabile da parte dei due giovani del clan Casamonica? "I due responsabili del pestaggio? Mai visti prima. Anzi, non sono dei Casamonica, ma se lo fossero bisognerebbe spezzargli le gambe", dice Nando ai cronisti del "Il Messaggero".

"Conosco bene i gestori del bar, ci vado spesso a fare colazione, sono brave persone. Quel locale era della nostra famiglia, lo vendemmo molti anni fa per tre milioni di lire. Chi ha fatto questo andrebbe punito. Cercherò di capire chi sono e parlerò con i loro genitori. Strano che di un fatto di oltre un mese fa se ne parli oggi. La polizia dovrebbe arrestare questi ragazzi. Perché sonno liberi?", chiede l'anziano Casamonica.

"Io e quelli della mia generazione abbiamo tre regole d'oro: mai toccare donne, bambini e la droga. Quando eravamo giovani noi la droga qui non passava, ora devasta i cervelli dei nostri ragazzi e di quelli italiani. Chi ha picchiato quella donna non è degno del nome che porta", dichiara al giornalista un figlio di Nando.

"La Romanina è casa nostra e noi qui non vogliamo avere problemi, né con le forze dell'ordine, né con i vicini. Questi ragazzi che hanno picchiato la signora disabile e il barista ci hanno attirato di nuovo addosso tutti i riflettori. Le nuove generazioni fanno di testa loro", conclude il figlio di Nando Casamonica nel breve incontro – intervista con "Il Messaggero.it".  (Foto tratta dai funerali di Vittorio Casamonica)

LEGGI ANCHE:

Casamonica fanno irruzione in un bar: disabile presa a calci e pugni

Roma, Domenica 13 pedonalizzazione nei municipi, con eventi e

Roma e l’emergenza rifiuti, per Ama è colpa dei cittadini

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento