Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Gennaio 2023

Pubblicato il

Roma, morte cardiaca improvvisa, screening nelle scuole: rischio bambini

di Redazione
Importanti i risultati per la prevenzione. Dai controlli effettuati, 658 alunni presentavano delle anomalie del tracciato elettrocardiografico

Una intensa attività di prevenzione e sensibilizzazione, per combattere la morte cardiaca improvvisa. Ovvero quel decesso che si verifica immediatamente dopo la comparsa dei sintomi (entro un’ora dall’insorgenza) o anche in assenza di sintomi e che secondo le statistiche colpisce circa 3 pazienti apparentemente sani su 100.000. La sta portando avanti, dal 2013, l’unità operativa di cardiologia e aritmologia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, con il sostegno della Onlus La stella di Lorenzo. Grazie a questa, sono stati eseguiti circa 9.700 tracciati elettrocardiografici, eseguiti in 15 istituti scolastici sui bambini di età compresa tra i 3 e i 13 anni. Di questi, 3.920 (ovvero il 40.4% degli esaminati) non avevano mai eseguito un elettrocardiogramma in precedenza.

E i risultati sono stati a dir poco importanti, nell’ottica della prevenzione. Dai controlli effettuati, infatti, 658 alunni presentavano delle anomalie del tracciato elettrocardiografico. Anomalie minori, nel 6% dei casi (589 studenti), mentre per lo 0,7% (69 bambini) si riscontravano anomalie diverse, più pericolose, che potrebbero portarli a morte cardiaca improvvisa. Nel comunicato dei promotori dell’attività, come riporta l’Agenzia DIRE, viene spiegato come l’obiettivo di questa sorta di screening a tappeto sia quello di scovare i bambini più a rischio nel posto dove trascorrono più tempo (a scuola) e di trattarli. Una prevenzione attiva, quindi. Che può evitare l’evento cardiaco che, il più delle volte, purtroppo, è fatale. Come?

La squadra si compone di due tecnici di cardiologia, che eseguono i tracciati elettrocardiografici negli Istituti scolastici, e di una équipe interna di cardiologi che li analizzano. In presenza di anomalie l’Ospedale consiglia alle famiglie di sottoporre il bambino a esami di approfondimento di secondo livello in una struttura ospedaliera di loro scelta. Per il 2017-2018 la squadra del Bambino Gesù ha già pianificato un’intensa attività di screening: 6 nuovi Istituti scolastici della Capitale, per un totale di circa 3000 cuori da controllare.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo