22 Settembre 2021

Pubblicato il

Focolaio Europei

Roma, Covid-19. Maxi-schermo in pub a Monteverde: 91 contagi. Numeri in aumento

di Chiara Fedeli
Il locale, come tanti altri in città e in tutta Italia, aveva allestito il maxi-schermo in occasione delle partite della Nazionale
covidstrofismo, festeggiamenti dopo il trionfo dell'italia a euro 2020
Festeggiamenti in tutta Italia dopo il trionfo azzurro a Euro 2020

Dopo la partita Italia-Belgio si registra un focolaio che al momento conta oltre 90 contagiati, solo per i contatti avvenuti in quel locale. In proporzione, la stima dei contagi che potrebbero essersi verificati in tutta la città, dopo i festeggiamenti della Nazionale italiana, spaventa. Al termine della partita, disputata il 2 luglio, i contagi erano 16. A oggi sono sei volte tanto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Gli esiti dei primi festeggiamenti per la Nazionale

Si tratta di un locale in via del Casaletto a Roma, nel cuore del quartiere Monteverde. Il locale è divenuto, durante le partite degli Europei di calcio, un ritrovo per tanti tifosi e tifose di tutta la città. La Asl della zona (Asl Roma 3) ha però registrato un vorticoso aumento dei contagi a causa dei contatti avvenuti quella sera. E, le persone che sono risultate positive al Covid 19, sarebbero principalmente ragazzi di sesso maschile e di età inferiore ai 25 anni. Come si temeva, gli assembramenti che si attestano a due settimane dai primi festeggiamenti cominciano a dare il loro esito. E non si tratta di buone notizie. Ora si dovrà attendere – e sperare – per quel che riguarda i possibili contagi avvenuti durante i festeggiamenti per finale. 

Preoccupazione per la sfilata finale

A spaventare maggiormente è il gigantesco assembramento cretosi per la sfilata in pullman degli Azzurri. La cerimonia ha visto l’assembrarsi di diverse decine di migliaia di giovani. Molti di loro non erano vaccinati e altrettanti, non indossavano la mascherina tra la folla. L’assessore alla sanità Alessio D’Amato aveva espresso preoccupazione per l’accaduto. Era però stato tacciato di inutile allarmismo, quando invece aveva esposto la propria preoccupazione nei confronti di una situazione che preoccuperebbe chiunque in piena pandemia. Purtroppo, ancora una volta, si teme che saranno i numeri a parlare.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo