21 Giugno 2021

Pubblicato il

Roma, Casu: Cittadini che segnalano buche da ringraziare non multare

di Redazione

"Se queste multe dovessero effettivamente arrivare, invitiamo i romani a segnalarcelo. Saremo al loro fianco nella difesa dei loro diritti"

"I cittadini che in queste ore stanno segnalando a proprie spese le buche killer della capitale devono essere ringraziati non multati. Solo dall'inizio dell'anno sono morte nelle strade di Roma 88 persone. L'atto simbolico che in queste ore si sta compiendo, raccogliendo l'accorato appello della mamma di Elena, una delle tante troppe vittime delle nostre strade, serve a richiamare l'attenzione delle istituzioni sulle proprie responsabilità.

Le norme sull'omicidio stradale parlano chiaro: il proprietario della strada non è solo tenuto alla manutenzione ma ha anche una precisa responsabilità in caso di incidenti dovuti al dissesto del manto stradale per i quali è prevista una condanna da 2 a 7 anni.

Per questo invitiamo tutte le Istituzioni a fare il proprio dovere. Se le regole prevedono che le buche pericolose non possano essere segnalate in autonomia dai cittadini con uno spray è solo perché le Istituzioni competenti dovrebbero averle già messe immediatamente in sicurezza, cosa che a Roma non avviene quasi mai.

Siamo in una situazione di emergenza, tutte le risorse devono essere impiegate per fronteggiarla e non per rendere ancora più difficile la vita di onesti cittadini, che in perfetta buona fede hanno scelto di compiere un piccolo atto concreto per supplire a una mancanza dell'amministrazione e cercare di salvare vite umane.

Per questa ragione, se queste multe dovessero effettivamente arrivare, invitiamo i romani a segnalarcelo. Come Partito Democratico saremo al loro fianco nella difesa dei loro diritti di fronte a chi ogni giorno, non governando la città e non risolvendo e i problemi, mette a repentaglio la salute e la sicurezza di tutti i romani". Cosi' in un comunicato il segretario del Pd Roma Andrea Casu. (Comunicati/Dire)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento