23 Luglio 2021

Pubblicato il

Rifiuti, Zingaretti:”Raggi ha ridotto così la città più bella del mondo”

di Redazione

"Firmerò un'ordinanza esercitando i poteri sostitutivi, perché è ovvio che Roma non può rimanere in queste condizioni"

"Dopo aver letto le sue dichiarazioni (n.d.r. sulle responsabilità dei rifiuti), mi domando se la Raggi non provi un po' di vergogna per la sua arroganza. Ha ridotto la città più bella del mondo in un disastro e su ogni problema fa lo scaricabarile non assumendosi mai le sue responsabilità. Sta spargendo i rifiuti di Roma in tutto il Lazio, in molte Regioni italiane e addirittura in diversi Paesi europei. Ovviamente con i soldi dei cittadini romani". Così in un post su facebook il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti che più tardi ha aggiunto: "Invece di dire grazie per la collaborazione degli abitanti e dei sindaci dei Comuni e chiedere scusa- prosegue Zingaretti- accusa e straparla. Da venerdì, attivando i poteri sostitutivi con un'ordinanza, cominciamo a rimettere le cose a posto. Firmerò e presenteremo questa ordinanza esercitando i poteri sostitutivi, perché è ovvio che Roma non può rimanere in queste condizioni. Abbiamo fatto di tutto per evitarlo, spingendo al massimo la collaborazione interistituzionale, ma è evidente che occorre un segnale, perché prima di tutto bisogna mettere al primo posto l'interesse della città. Roma prima di tutto. È la prima volta in sei anni di presidenza di Regione che arriviamo a un atto così estremo. Confidavamo sulla collaborazione, ma è evidente che occorre ed è utile dare un segnale". Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, a proposito dell'ordinanza sui rifiuti di Roma. (Uct/ Dire)

Vuoi la tua pubblicità qui?

Roma, Costa: ci sono 40 gradi e i rifiuti non possono stare in strada

Rifiuti a Roma, Giulia Grillo: situazione non imputabile a sindaco Raggi

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento