Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Settembre 2020

Pubblicato il

Rifiuti Roma, il mago Zinga fa sparire la crisi con l’ordinanza fatata

di Mirko Ciminiello

Accordo salva-Raggi con Di Maio, la spazzatura andrà all’estero e la nuova discarica sarà pronta in due anni. E Roma dovrebbe tornare pulita per decreto

Basta un poco di zucchero (tra Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio) e la pillola dell’emergenza rifiuti nella Capitale va giù. Chissà come abbiamo fatto a non pensarci prima? Eppure, era pacifico che una crisi legata all’immondizia andasse risolta con un colpo di spugna. Magari in senso letterale sarebbe stato più utile, ma non si può avere tutto…

Vuoi la tua pubblicità qui?

E così, dal “salva Roma” dei giallo-verdi si è passati al “salva Raggi” dei rosso-gialli: l’importante è che alla fine i Conte tornino. Come? Con un incanto del mago Zinga, ovviamente! È bastato un colpo di bacchetta magica, anzi di ordinanza magica, et voilà, pericolo scampato, niente più pattume sui marciapiedi e per le strade della Città Eterna! A saperlo prima ci saremmo risparmiati settimane di apprensione.

Certo, la soluzione è soltanto sulla carta, o meglio sul carteggio con cui il Governatore del Lazio ha annullato la propria precedente ordinanza, quella del 29 novembre scorso che imponeva al Campidoglio la scelta di un nuovo impianto a Roma. Cosa che Virgy ha fatto, indicando com’è ormai arcinoto la cava di Monte Carnevale.

Discarica che però resta, anch’essa, solo sulla carta, visto che il Comune avrà due anni per allestirla e metterla in funzione – giusto il tempo di far terminare il mandato della giunta grillina. E così magari si placheranno anche gli animi di quei distretti a guida pentastellata – in particolare il Municipio XII – in rivolta contro la delibera di (quasi) Capodanno di Palazzo Senatorio. Il sindaco in realtà sembrava disposta a venire loro incontro, come dimostra il fatto che aveva suggerito di individuare degli elementi ostativi che bloccassero il suo stesso progetto. Sembrerebbe un atteggiamento ambivalente, ma siamo a gennaio, mese dedicato a Giano, quindi probabilmente è solo un omaggio al nume bifronte.

Ma il primo cittadino, naturalmente, non è l’unica che ci guadagna. Con lei c’è lo stesso Zingaretti, sciolto dall’onere di dover essere lui a scegliere la location per il nuovo impianto, essendosi limitato a ordinare il trasferimento dei rifiuti all’estero. C’è poi il M5S, e in particolare il capo politico Di Maio, che può respirare in un momento in cui la sua leadership è tanto traballante che si sta facendo prepotentemente largo l’idea di un suo passo indietro: soprattutto considerata la quasi certa débâcle alle prossime Regionali in Emilia-Romagna.

E c’è anche Ama (la municipalizzata di Roma Capitale che dovrebbe occuparsi della spazzatura), la quale potrà procedere alla manutenzione straordinaria del Tmb (trattamento meccanico-biologico) di Rocca Cencia a partire dal 31 gennaio – cioè con due mesi di anticipo sulla data prevista -, e per buona misura non avrà più neppure l’obbligo di approvare entro il 15 marzo il Bilancio 2017 (sì, avete letto bene: in fondo, cosa volete che siano due anni di ritardo?)

Certo, alla fine la montagna ha partorito il topolino. Meglio questo, però, di quello paventato da Carlo Calenda quando ha tuonato che «Roma va commissariata, se andiamo avanti così avremo i sorci a fare sci d’alpinismo sulle montagne d’immondizia».

Ma ormai è tutto passato, un tratto di penna e i sacchetti sono miracolosamente spariti, come i cassonetti strapieni nonostante Ama continui a vaneggiare che «il piano di Natale ha funzionato». È vero, le foto dicono altro: ma, essendoci di mezzo il mago Zinga, non vorrete mica credere ai vostri occhi, no?

32enne paga 500 euro per far uccidere il marito italiano, tre arresti in Romania

Le banche:"La carta di credito anche per il caffè guarisce mentalità illegale"

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento