Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Settembre 2020

Pubblicato il

Facile ed efficace

Prevenzione Covid 19 a costo zero con la pulizia del naso e gargarismi

di Redazione

Lavare le cavità nasali e il cavo orale più volte al giorno significa fare prevenzione al Covid 19 come lavare le mani e tenere le unghie corte

Prevenzione Covid 19, pulizia naso
Prevenzione Covid 19, pulizia naso

Prevenzione Covid. Sono fermamente convinto che i miei consigli, a costo zero, possano essere di grande aiuto ai cittadini (mia priorità) e alle Istituzioni. E sia per la Fase 1 di un’ epidemia (nel caso Covid 19 ormai passata), sia per la Fase 2, quella in corso.

Coronavirus si diffonde soprattutto per via aerea

Il coronavirus è un virus respiratorio e si diffonde, soprattutto, per via aerea (naso e bocca) attraverso le goccioline del respiro. E quelle del parlare, della tosse e degli starnuti delle persone infette. Conseguenza logica sarebbe, anche, la corretta e frequente pulizia delle cavità nasali e del cavo orale. Le cavità nasali hanno, anche, funzione di filtro e depurazione dell’aria respirata. Le particelle solide disperse nell’aria (inquinanti, allergeni , batteri, virus, funghi, etc.) vengono trattenute nelle cavità nasali e smaltite dai sistemi nasali di difesa e  depurazione. Talora questi elementi respirati, soprattutto se in eccesso o tossici o virulenti, vincono i sistemi difensivi naturali locali. Creano così patologia nasale che può diventare il focolaio primario di una infezione/infiammazione che, poi, può estendersi a tutto l’apparato respiratorio.

Prevenzione Covid sul naso e la bocca

Il cavo orale, appartenente all’apparato digerente, non ha le funzioni del naso e non funge da filtro. Motivo per cui sempre, ma anche per la specifica questione Covid-19, è necessario respirare con il naso e non con la bocca. Quindi, oltre al lavaggio frequente delle mani, già ampiamente raccomandato ed illustrato (e io aggiungerei “e al taglio delle unghie”), potrebbe essere importante lavare frequentemente le cavità nasali e il cavo orale. per mitigare e favorire la diluizione e l’eliminazione  di questi elementi nocivi penetrati con l’aria inspirata e permettere alla mucosa libera di difendersi meglio ed al sistema muco-ciliare di  smaltimento, di essere più efficiente.

Come effettuare un lavaggio nasale a basso costo? 

Soluzione isotonica: in 1 litro di acqua, oligominerale microbiologicamente pura o acqua già bollita, tiepida,  si sciolgono 6 grammi di sale marino da cucina e 3 grammi di bicarbonato di sodio da cucina; totale 9 grammi per litro come la soluzione fisiologica (soluzione 0,9%, pH 8,3 circa).

Perché il bicarbonato di sodio? (azione Antisettica ed Alcalinizzante). 

Per tre motivi: 1-rendere il lavaggio più confortevole; 2-contribuire all’azione antisettica ed antiinfiammatoria dei sali ; 3-alcalinizzare le mucose di naso, bocca e rino-mesofaringe.

Prevenzione Covid: con la detersione idrica del lavaggio lo portiamo via

Molti lavori scientifici riferiscono che diversi virus (compresi  i rhinovirus e coronavirus conosciuti,  responsabili più comuni del raffreddore e dell’influenza) infettano le cellule ospitanti mediante fusione con membrane cellulari a basso pH (pH acido). Per cui  sono classificati come “virus dipendenti dal pH”. Quindi, nella speranza che anche questo nuovo virus (SARS-Cov2) sia pH dipendente, se aumentiamo il pH delle cavità nasali e del cavo oro-faringeo verso la basicità, cerchiamo di ridurre l’aggressività dei virus e con la detersione idrica del lavaggio li portiamo via. In questo drammatico periodo lavare le cavità nasali ed il cavo orale più volte al giorno potrebbe significare fare buona prevenzione come lavare spesso le mani e tenere le unghie corte.

Quante volte lavare cavità nasali e cavo orale?

Se, per necessità, si esce di casa e si frequentano  ambienti con altre persone, soprattutto  a distanza ravvicinata, si lava ogni 1 o 2 ore oppure al bisogno, dopo contatti sospetti.

Come effettuare il lavaggio?

Per adulti e bambini. Si portano con sé , per ogni persona , due flaconcini (Uno per il naso ed uno per la bocca) da 30cc, con spruzzatore nasale, pieni  con la soluzione isotonica e si spruzza più volte per narice ogni 1-2 ore; dopo qualche secondo si soffia il naso con fazzoletto di carta che, poi, si butta in contenitore idoneo e si lava bene il  beccuccio spruzzatore e le mani. Per chi ha patologia nasale con naso chiuso da rinite semplice o allergica si  utilizza una soluzione ipertonica che associ, all’effetto di detersione idrica dell’acqua ed all’effetto antisettico ed alcalinizzante dei Sali, anche l’effetto osmotico ad azione decongestionante sui turbinati per aprire il naso e respirare meglio.

Soluzione ipertonica: in un litro di acqua, oligominerale microbiologicamente pura o acqua già bollita, tiepida, si sciolgono 15 grammi di sale marino fino da cucina  e 5 grammi di bicarbonato di sodio puro da cucina (Soluzione 2%, pH 8,3 circa).

La somministrazione è uguale a quella della soluzione isotonica detta prima.

Lavaggio del cavo orale e mesofaringe (sciacquo e gargarismo)

Con il secondo flaconcino contenente la soluzione isotonica,  si spruzza in bocca 5-6 volte, si eseguono, ogni 1-2 ore o al bisogno, sciacqui e gargarismi per 30 secondi  e poi si  sputa la soluzione. Quindi, se,per necessità,  si deve uscire di casa e frequentare altre persone  si devono lavare frequentemente le mani, le cavità nasali ed il cavo orale come sopra. Queste operazioni si possono eseguire in un bagno pubblico (tipo Bar) o del posto di lavoro o del sito in cui ci si trova. Queste misure , a costo quasi zero e senza effetti collaterali significativi,  potrebbero avere  duplice carattere: di prevenzione per i cittadini di qualsiasi età che, per necessità, devono uscire di casa ed avere contatto con altre persone ;  in particolare, per i lavoratori di qualsiasi ramo  e  per gli operatori sanitari, di qualunque mansione, che sono i più a rischio. E’ di aiuto alla terapia per chi ha contratto l’infezione, per contrastare  l’infiammazione e  l’aggressività del virus almeno nelle alte vie aeree.

Alla luce delle ultime informazioni sanitarie, che indicano  fra i sintomi precoci (Prodromici) più frequenti della Covid-19 disturbi  dell’olfatto e del gusto, credo che  questa mia relazione  assuma maggiore validità, sia per la Fase 1 (Epidemia), sia per la Fase 2 (Post-epidemia).

Prevenzione Covid, raccomandazioni utili

A mio parere, le Raccomandazioni che dovrebbero essere date ai cittadini  che sono costretti, per necessità , ad uscire di casa e venire a contatto con altre persone sono:

1-Respirate sempre con il naso perché ha anche funzione di “Filtro” e “Barriera” alle impurità presenti nell’aria respirata, compresi i microrganismi. La bocca non ha questa funzione.

2- Tenete le unghie corte e lavate o disinfettate spesso le mani; non toccate con le mani, non pulite, il naso, la bocca e gli occhi.

3-Lavate spesso le cavità nasali ed il cavo oro-faringeo con una soluzione salina dedicata.

4-Indossate  sempre ed in modo corretto la mascherina ed in certi casi guanti idonei.

Prevenzione Covid, aria fresca e ancora qualche attenzione

5-Ricambiate spesso l’aria degli ambienti in cui soggiornate.

Vuoi la tua pubblicità qui?

6-Mantenete la maggiore distanza possibile dalle altre persone.

7-Se dovete tossire o starnutire, inclinate il capo verso il pavimento, coprite  bocca e naso con la mano e lavate o disinfettate, subito, le mani. Se soffiate nella piega del gomito, inquinate il tessuto degli abiti; se dopo, inavvertitamente, voi a altri toccate  con le mani quella zona di vestito, inquinate le mani.

Queste raccomandazioni devono essere spiegate in modo semplice, chiaro e comprensibile in TV e sui giornali. Inoltre tutta la classe sanitaria deve essere coinvolta nella diffusione delle informazioni ai cittadini.

Prof.Gaetano Libra medico specialista in Otorinolaringoiatria e Audiologia

                                                                                                                                                                                        

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento