Vuoi la tua pubblicità qui?
26 Gennaio 2022

Pubblicato il

Cui prodest?

Omicron, scienziati e realtà smontano ancora l’allarmismo sulla variante

di Mirko Ciminiello
I dati indicano che la nuova mutazione è più contagiosa ma non più pericolosa, ma la von der Leyen vaneggia di corsa contro il tempo e i media continuano a fare covidstrofismo…
variante omicron
Variante Omicron

La variante Omicron, proprio come il diavolo, potrebbe non essere poi così brutta come la si dipinge. Man mano che emergono i dati scientifici, infatti, la nuova mutazione del SARS-CoV-2 si sta rivelando meno temibile di quanto si paventasse. Con buona pace del solito allarme, anzi allarmismo politico-mediatico cui ben si addice, una volta di più, l’adagio “un bel tacer non fu mai scritto”.

L’allarmismo sulla variante Omicron

«I nervi sono a fior di pelle, basta terrorismi e allarmismi». Così sbottò l’infettivologo Matteo Bassetti contro l’ennesimo caso di “covidstrofismo” che ha interessato, stavolta, la variante Omicron. «Per tre giorni il mondo intero è stato terrorizzato da alcuni miei colleghi e da alcuni giornalisti», che «se ne devono assumere la responsabilità» il j’accuse.

All’elenco, peraltro, si potrebbe aggiungere il mondo delle istituzioni, cominciando da quelle comunitarie. Basti vedere alla voce Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Ue, che ha affermato che «adesso è una corsa contro il tempo».

ursula von der leyen
Il Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Uno slogan mutuato dal peggior affermazionismo ambientalista, ma che non è meno risibile se applicato alla pandemia. Soprattutto perché nel frattempo ha parlato la scienza, notoriamente poco restia ad assecondare qualsivoglia tipo di propaganda.

Un bagno di realtà

«I sintomi sono molto lievi» ha spiegato a La Repubblica Angelique Coetzee, la dottoressa sudafricana che ha scoperto la mutazione. Aggiungendo che «il grado di contagiosità è più o meno simile a quello della variante Delta. Non di più e non troppo severo».

Praticamente lo stesso concetto espresso a Sky TG24 da Franco Locatelli, coordinatore del Cts, secondo cui dirsi preoccupati suona «largamente eccessivo». Non c’è infatti alcuna evidenza che la variante Omicron «possa provocare malattia più grave o sfuggire all’effetto protettivo dei vaccini in maniera importante».

Vuoi la tua pubblicità qui?
Franco Locatelli
Il presidente del CSS e coordinatore del Cts Franco Locatelli

Concorda perfino Walter Ricciardi, consigliere scientifico del Ministro nomen omen della Salute Roberto Speranza. «C’è una buona probabilità che i vaccini continuino a proteggerci» ha confermato le chat noir sulla base dei primi test clinici e diagnostici.

walter ricciardi
Il medico, consulente del Ministero della Salute ed ex attore Walter Ricciardi

Tanto per ribadire ancora una volta che la realtà, prima o poi, presenta sempre il conto. E che il cosiddetto quarto potere e gli alti papaveri potevano aspettare qualche giorno – e qualche riscontro – prima di (eventualmente) gridare Al lupo! Al lupo!

benvenuti nel mondo reale
Benvenuti nella realtà

Non foss’altro perché, vista l’insistenza con cui solleticano questa sorta di libido per la drammatizzazione pandemica, verrebbe pure da chiedersi: cui prodest?

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo