Vuoi la tua pubblicità qui?
22 Ottobre 2020

Pubblicato il

Legge sulle risse

Omicidio Colleferro, arriva la “Norma Willy”: pene più severe per i pestaggi

di Redazione

La Norma Willy a cui stanno lavorando la Lamorgese e Bonafede prevede l'inasprimento delle pene per le risse violente

Norma Willy
Willy Monteiro Duarte

In arrivo la “Norma Willy”? Il ministro della giustizia, Alfonso Bonafede, e dell’Interno, Luciana Lamorgese, stanno lavorando ad un nuovo decreto legge. La bozza per ora, prevede un inasprimento delle pene per il reato di rissa. Il documento contiene anche il Daspo, cioè il divieto di accedere ai locali pubblici per chi sia stato anche solo denunciato violenza fuori da un locale.

La “Norma Willy”

Una sorta di “Norma Willy” che viene elaborata dopo l’uccisione del 21enne a Colleferro in provincia di Roma nella notte tra 5 e 6 settembre. Qualche giorno fa inoltre, a Ladispoli, un ragazzo ha perso un occhio perché pestato da un gruppetto di persone.

L’idea è quindi incrementare le pene per chi ha partecipato a una rissa. La multa andrà da 309 a 2000 euro e la reclusione (nel caso in cui si provochi il ferimento o la morte di qualcuno) da un minimo di sei mesi a un massimo di sei anni. Attualmente invece le condanne vanno da tre mesi a cinque anni.

le parole dei sindaci dei comuni coinvolti: Paliano e Colleferro

Per i sindaci dei comuni coinvolti dall’omicidio del 21enne, l’inasprimento delle norme è una notizia positiva che accolgono con favore. Ma “Non basta” dice a la Repubblica, Domenico Alfieri, primo cittadino di Paliano, dove risiedeva Willy con la sua famiglia. “Bisogna capire anche quali sono le cause del disagio sociale,  se non ragioniamo sulle cause e non avviamo anche una sensibilizzazione sarà inutile. Questi episodi vanno prevenuti” dichiara.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Pierluigi Sanna, sindaco di Colleferro, punta anche alla questione controlli: “Noi sindaci abbiamo bisogno di più poteri per essere incisivi. Per poter intervenire dobbiamo avere gli strumenti. Inoltre bisogna avere più forze dell’ordine nei nostri territori“.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Commenti dei nostri lettori

1 commenti trovati