Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Dicembre 2020

Pubblicato il

Non si placano

Nina Moric e Fabrizio Corona: la battaglia continua

di Gaia Messina

La battaglia tra i due ex coniugi continua e, come abbiamo già detto, Nina Moric ha denunciato l’ex marito Fabrizio Corona

Nina Moric, Fabrizio Corona
Fabrizio Corona, Nina Moric e figlio

Nei giorni scorsi Nina Moric ha denunciato l’ex marito Fabrizio Corona per averle rivolto “ingiurie e minacce” e per aver messo in atto dei comportamenti violenti e lesivi nei confronti del figlio. Quest’ultimo, da mesi vive a casa del padre.

La Moric ha poi pubblicato su Instagram degli audio di conversazioni telefoniche tra padre e figlio. Il ragazzo sarebbe stato usato come merce di scambioper “video, servizi fotografici e presenze nei locali” e sarebbe stato sottoposto a gravi “costrizioni psicologiche”.

È facilmente deducibile come il figlio della coppia abbia da sempre subìto pressioni dovute alla fama dei suoi genitori. Corona ha un passato (anche piuttosto recente) tormentato tra periodi di carcerazione, denunce, scandali.

Trascrizioni di alcune telefonate

Sono state presentate le trascrizioni di alcune telefonate tra la Moric e Corona in cui emerge tutta la rabbia di quest’ultimo: “Sarei arrivato quasi al limite di venire due giorni fa, prenderti la testa e fracassartela contro un angolo in modo da ucciderti e non vederti mai più”[…]”Tu sei una una grandissima p… e ti farò passare le pene dell’inferno”.

In un’altra denuncia, la Moric ha dichiarato di aver ricevuto una chiamata dal figlio in cui le chiedeva di aiutarlo in quanto il padre gli somministrava piccole dosi di psicofarmaci senza un apparente motivo. “Preciso che la somministrazione di tali medicinali è un fatto delicatissimo e deve seguire assolutamente una visita psichiatrica, visita che mio figlio non fa da parecchi mesi”.

Telefonate condivise su Instagram

In una delle chiamate diffuse su Instagram dalla Moric, si sente un appello disperato del figlio alla madre: “Mamma, io voglio ritrasferirmi da te, stavo meglio molto meglio con te, voglio diventare una persona migliore. Voglio liberarmi da queste persone. Io voglio stare con te perché tu mi puoi aiutare a essere una persona più buona. Purtroppo io stando con il male imparo il male”.

Intanto l’avvocato della Moric ha rilasciato delle dichiarazioni: ”La questione è molto delicata e complessa. Nina Ha cercato la tutela della giustizia e dopo aver visto che non ne usciva è crollata e ha voluto pubblicare gli audio sui social. A volte le cose si muovono attraverso i media, è triste ma il mondo è cambiato. I messaggi audio che avete ascoltato sono solo una sintesi pubblicabile, fanno capire che ce ne sono alcuni ben più gravi”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ma perché Carlos, anche se maggiorenne, vive con Corona?

L’avvocato dell’ex modella afferma che “Una volta entrato in quella casa in qualche modo non ne riesci più a uscirne. È una questione delicata che riguarda anche la salute di Carlos. Ci sono problematiche che stiamo tentando di risolvere e che non gli consentono di tornare a vivere con Nina. Carlos è affidato ad entrambi i genitori e collocato presso la madre. Andò dal padre a trascorrere del tempo, dal famoso compleanno organizzato per lui da Corona in una discoteca e da allora Carlos è rimasto lì”.

Carlos Maria tornato a casa dalla madre

Il figlio della Moric e di Corona, dopo mesi di convivenza con il padre, è finalmente tornato a casa dell’ex modella croata. Nei giorni scorsi quest’ultima aveva pubblicato degli audio shock in cui il figlio riportava i maltrattamenti subìti dal padre. Carlos Maria, figlio della coppia, ha poi ritrattato dicendo di aver detto delle cose che non pensava realmente. Il giovane ha fatto rientro nella casa della madre, la quale si è mostrata al settimo cielo nelle Instagram Stories condivise con i suoi fan.

Intanto la battaglia tra i due ex coniugi continua e, come abbiamo già detto, la Moric ha denunciato l’ex marito.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento