09 Maggio 2021

Pubblicato il

Metro B Bologna, arrestati baby rapinatori

di Redazione

Hanno rapinato un 14enne. Identificati dal personale di sicurezza e trasportati in commissariato

Arrestati due baby rapinatori dopo aver rapinato un 14enne che aspettava la metro alla stazione della linea B Bologna.

Secondo quanto si apprende, questa la ricostruzione dei fatti. I due avrebbero individuato la vittima sulla banchina. Arrivati a breve distanza avrebbero poi chiesto al 14enne di indicare loro qualcuno da cui poter acquistare della droga. Il giovane avrebbe risposto loro di cercare sul piazzale esterno della stazione Ostiense. A quel punto i due rapinatori lo avrebbero prima invitato a seguirli e poi, lo avrebbero minacciato con un coltello, per farsi consegnare il denaro contenuto all'interno del portafogli.

Sembra che il 14enne abbia dapprima ceduto alle richieste dei due baby rapinatori; ma poi, non appena questi si sono allontanati, avrebbe allarmato il personale del servizio di sicurezza Atac all'interno della stazione, per chiedere aiuto. A loro volta, gli addetti avrebbero immediatamente chiamato il 113.

Nel frattempo, il personale della sicurezza avrebbe seguito la coppia di rapinatori fino all'androne della stazione. Sorvegliando i loro movimenti e fornendo una loro descrizione, gli addetti alla sicurezza avrebbero quindi indicato i due individui agli agenti del commissariato Celio, poi accompagnati negli uffici del commissariato.

Nel corso delle procedure di identificazione i due giovani sarebbero stati riconosciuti anche da un'altra coppia di ragazzi minorenni che era in attesa per sporgere una denuncia perché poco prima, con la stessa dinamica, i due arebbero stati avvicinati sulla banchina metro della stazione Bologna, subendo un tentativo di rapina con la minaccia di un coltello.

Al termine degli accertamenti K.K., 19enne, e il suo complice, risultato minorenne, sono stati arrestati per rapina.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento