Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Maggio 2022

Pubblicato il

Calcio

Lazio-Milan 1-2, sfida per ambizioni diverse: i rossoneri sono ancora vivi per lo scudetto

di Matteo Frascadore
Partita importantissima tra Lazio e Milan, costrette a vincere per mantenere vivi i sogni europei e di scudetto

Una cornice insolita per l’Olimpico che si tinge di rossonero dopo la protesta del tifo laziale – in particolare il settore della curva Nord, ma anche quello della Tevere – che ha deciso di non entrare contro il caro biglietti imposto dalla società.

Il primo tempo

Dal momento del fischio d’inizio della gara tutto passa in secondo piano: pronti via e la Lazio sembra non risentirne del tifo sugli spalti. Immobile ci mette poco a marcare il gol del vantaggio. I biancocelesti continuano bene fino al pasticcio che porta all’ammonizione di Strakosha. E’ in questa occasione che il Milan comincia a fare capolino, i rossoneri si vedono per la prima volta in partita. Il resto della gara è caratterizzato da un Milan che porta bene il pallone e una Lazio che prova a ripartire. La prima fase di gioco termina con una situazione di vantaggio di misura per i biancocelesti.

Il secondo tempo

Il secondo tempo inizia con un Milan determinato a vincere per mantenere vivo il sogno scudetto. Non a caso in poco tempo i rossoneri trovano subito il gol del pareggio. La gara procede con molte incertezze da ambo le parti e la paura di fare la mossa sbagliata. Poche occasioni e molto possesso palla ma anche molta confusione a pochi minuti dalla fine, un disordine che porterà al gol del Milan a pochi minuti dalla fine.

Le pagelle della Lazio

Strakosha 5

Lazzari 6

dall’80esimo Hysaj SV

Patric 5.5

Dall’80esimo Luiz Felipe 5

Acerbi 6

Radu 6

dal 63esimo Marusic 5.5

Milinkovic 6

Leiva 6

dal 61esimo Cataldi 6

Luis Alberto 5.5

dal 60esimo Basic 6

F. Anderson 6.5

Immobile 7

Zaccagni 6

all. Sarri 6.5

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo