Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Gennaio 2021

Pubblicato il

Lo sapevate che...

L’andamento del petrolio dagli Stati Uniti all’Inghilterra

di Redazione

L’andamento del prezzo del petrolio ha subito nel corso degli ultimi tempi sorti alternate a causa delle conseguenze della pandemia

Prezzo petrolio
Petrolio

Il prezzo del petrolio sta incontrando una fase di rialzo, che corrisponde a circa due punti. Sono diversi i fattori che influiscono su questo andamento. In particolare gli esperti evidenziano i dati sulle scorte degli Stati Uniti. Queste informazioni rivelano che c’è sicuramente un calo dell’offerta. Il tutto potrebbe configurarsi come un andamento positivo, ma ci sono altri elementi da valutare. In particolare in questi giorni si sta valutando l’incertezza determinata dal risultato delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. È vero però che il prezzo del petrolio sta recuperando dopo un periodo in cui i prezzi erano calati anche del 10%. Ma cerchiamo di scoprirne di più su questo argomento.

Perché il prezzo del petrolio era calato

L’andamento del prezzo petrolio ha subito nel corso degli ultimi tempi sorti alternate. Abbiamo già detto che non è passato molto tempo da quando il prezzo del greggio ha subito un calo del 10%. Questo calo è stato determinato dal timore del presentarsi di un nuovo lockdown in seguito all’andamento dei contagi piuttosto diffusi dell’epidemia di coronavirus.

Gli esperti hanno rintracciato in questo calo del prezzo del petrolio, che è stato il protagonista assoluto soprattutto della scorsa settimana, un timore determinato dalle conseguenze che un eventuale lockdown potesse avere non solo sull’economia europea, ma anche su quella di tutto il mondo.

Adesso sembra esserci un’inversione di tendenza, perché evidentemente coloro che detengono posizioni attive sul mercato stanno procedendo ad effettuare operazioni di trading in maniera molto rapida.

L’American Petroleum Institute ha diffuso la notizia, secondo la quale negli Stati Uniti le scorte di petrolio sono scese di 8 milioni di barili. Un calo dunque che conferma come le scorte statunitensi siano pari tutt’ora a circa 487 milioni di barili.

La crisi annunciata nel settore londinese

Ma ci sono altri dati molto importanti che bisogna analizzare per scoprire quale sia l’andamento complessivo del petrolio a livello mondiale. A questo proposito possiamo considerare i dati che si riferiscono alla British Petroleum, che ha sede a Londra.

Questa azienda sta attraversando un periodo di crisi, ma molti a questo proposito hanno parlato di crisi annunciata. Ad avere una certa influenza su quello che è uno scenario che in molti si aspettavano non sono soltanto gli effetti della crisi economica. Ma c’è di più.

Da un lato infatti bisogna considerare i provvedimenti che i vari governi hanno introdotto per cercare di ridurre gli effetti negativi dell’inquinamento, in particolare sui cambiamenti climatici. Dall’altro si sono fatte sentire anche le conseguenze legate all’emergenza sanitaria di Covid 19.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La British Petroleum ha deciso di correre ai ripari in maniera drastica, ricorrendo, senza possibilità di appello, ad un licenziamento generale. Si calcola che saranno 10.000 i lavoratori che perderanno il loro posto di lavoro, sui 65.000 impiegati che lavorano presso questa grande azienda londinese.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Una crisi internazionale

La multinazionale è insomma in piena fase di crisi e su di essa si fanno sentire gli effetti di quella che potremmo definire una crisi internazionale. La British Petroleum ha riscontrato nel corso del periodo che va da agosto fino ad oggi una perdita di 10 miliardi di euro e aveva tentato di recuperare con la scelta di dimezzare la capitalizzazione di mercato, passando da 90 miliardi di euro a 43 miliardi.

D’altro canto bisogna considerare che anche un’altra grande società, come Shell, non sta riscontrando in questo periodo degli effetti positivi. Anche Shell ha deciso per un ridimensionamento aziendale in termini di impiegati, con 9.000 persone che verranno licenziate.

I fattori che influenzano la decisione di Shell sono gli stessi che abbiamo evidenziato riguardo alla British Petroleum. In particolare si stanno rivelando determinanti le conseguenze legate alla crisi determinata dalla pandemia.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento