15 Aprile 2021

Pubblicato il

L’essenza umana di Rino Gaetano nel nuovo libro di Matteo Persica

di Redazione

“Questo libro, nasce per essere una biografia soprattutto dell'uomo, Rino, finisce poi per essere, verso di lui, un vero atto d'amore”

Giovedì 2 novembre alle ore 18 presso La Feltrinelli di via Appia Nuova 427 a Roma, ci sarà la nutrita presentazione del libro: Rino Gaetano. Essenzialmente Tu, di Matteo Persica (Odoya Edizioni – 20 euro, 320 pagine), arricchito da fotografie inedite e un sedicesimo di immagini a colori.

Noi “gaetaniani” aspettavamo con ansia questo nuovo lavoro di Matteo Persica, dopo il brillante successo di critica e di lettori ottenuto col suo libro d'esordio nel 2016: "Anna Magnani Biografia di una donna". L'ansia non era solo dovuta all'attesa di leggere quale profilo umano potesse scaturire dalle decine di racconti di noi amici e collaboratori del cantautore crotonese, raccolti con meticolosità dall'Autore, ma anche perché il libro ha avuto una difficile gestazione, avendolo Matteo preso e lasciato più volte, ma poi concluso, per fortuna.

Come dice lo stesso Autore, “Questo libro, nasce per essere una biografia soprattutto dell' ”uomo” Rino, finisce poi per essere, verso di lui, un vero atto d'amore”. Come in Anna Magnani, Matteo Persica riesce a resuscitare la voce narrante del protagonista senza farsi intimorire dalle lacune: quel che Gaetano non ha detto nelle numerose interviste, lo dicono gli amici, i colleghi, le fidanzate.

Il libro contiene la spiegazione di Gaetano dei suoi testi, che tramite la comicità e il “nonsense” (Jannacci tra i suoi punti di riferimento) trattano di tematiche esistenziali e sociali importantissime come la schiavitù dai prodotti legati al petrolio (“Spendi spandi effendi”) o la totale indifferenza dell’essere umano per il proprio simile (“Mio fratello è figlio unico”).

Ma tornando al ritratto di Rino, la sua personalità è racchiusa in fondo in queste quattro frasi: “Dalla vita uno dovrebbe avere l’essenziale con un pochino di superfluo.” Se insisti, e gli chiedi cosa è per lui l’essenziale e cosa il superfluo: “L’essenziale è mangiare, bere, dormire e fare l’amore” ti dice candidamente. “Il superfluo è passare davanti a un bar, vedere un flipper e buttarci dentro cento lire e, magari, pur sapendo che ti chiude il ristorante e non potrai più mangiare, te ne freghi perché il superfluo è più importante dell’essenziale.”

Dice Matteo Persica nella sua presentazione: “I protagonisti di questa storia, oltre a Rino, sono i suoi amici ed i suoi colleghi che, attraverso le loro testimonianze, i loro sguardi e le loro emozioni, mi hanno dato modo di dar vita a queste pagine. Qualche nome lo conoscerete, altri vi risulteranno anonimi ma non per me, che li porto tutti nel cuore.” Per me è un onore leggere il mio nome tra questi.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento