18 Maggio 2021

Pubblicato il

Opinioni e visioni

Italia reclusa, economia falciata: non per Covid, ma per i tagli alla Sanità

di Redazione

La sanità in Italia, questo il vero motivo per cui siamo segregati e le nostre attività economiche in rovina

Sanità in Italia, la vera epidemia è già stata qui. In questi ultimi 15 anni la nostra classe dirigente ha causato immani disastri nella sanità pubblica. Naturalmente di ogni partito e versante, nessuno escluso, chiudendo ospedali e riducendo drasticamente i posti letto.

L’ospedale di Tivoli ad esempio, prima di questi tagli aveva 500 posti letto, attualmente ne sono stati confermati 190. È ovvio che all’arrivo di una pandemia, l’unica misura che uno Stato con un tale deserto sanitario può adottare, è quella di chiudere tutto e tenerci reclusi in casa.

La pandemia Covid-19 risulta ingestibile in Italia non per la sua effettiva gravità, ma poiché non ci sono più gli ospedali e mancano tantissimi medici e infermieri.

Sanità in Italia, il drammatico taglio dei fondi

Se i nostri governanti, che ora sono così preoccupati per la nostra salute, non avessero tagliato i fondi sanitari, la pandemia da Sars-coV-2 sarebbe gestibile senza chiudere esercizi commerciali, cittadini nelle case, le scuole e i locali, falciando un intero sistema economico. Questo è il vero motivo per il quale ci tengono segregati, limitando le libertà individuali. Un popolo spaventato non ha forza di ribellarsi a questa classe politica di inetti e incapaci. E così accetta le responsabilità sanitarie che sono invece dei governanti.

La loro ignoranza è così evidente che hanno dovuto affidare incarichi tecnici e professionali a circa 750 consulenti iper-pagati con le tasse di chi ancora le paga e sempre le pagherà. La riduzione dei parlamentari non ha senso rispetto alle somme che lo Stato dovrà sborsare per pagare questi consulenti. La colpa è certamente anche nostra, del popolo che ha votato questa classe politica inadeguata a gestire la complessa macchina statale. Non è sufficiente blaterare ‘onestà onestà’. Ma di quale onestà si parla? Non vi è neanche onestà nel discorso pubblico.

Infatti, nonostante gli scandali che quotidianamente emergono, solo pochi giornali non “di sistema” pubblicano queste riflessioni.

Cesare Giubilei

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento