Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
26 Maggio 2022

Pubblicato il

Ispra: Lazio e Campania le regioni che esportano più rifiuti organici all’estero

di Giulia Bertotto
Il centro-sud è l'area che esporta più rifiuti organici all'estero per mancanza di impianti di smaltimento

I dati Ispra, l'Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale, parlano chiaro: sono Lazio e Campania, due regioni del centro-sud Italia a dover smaltire all'estero i loro rifiuti organici in altri paesi d'Europa per mancanza di impienati adatti o di capacità sufficiente alla trasformazione delle tonnellate di resti organici.

Nel 2018, in Italia, sono stati prodotti rifiuti urbani per 30,2 milioni di tonnellate. Vediamo nel dettaglio delle zone: il centro Italia produce 548 chilogrammi per abitante e ha segnato i valori pro capite più alti con un aumento di più di 10 kg rispetto al 2017. Il dato medio del Nord Italia si attesta a circa 517 kg per abitante, mentre al sud è di 449 kg per abitante. 

A livello nazionale il costo medio annuo per ogni cittadino è di 174,65 euro, nel 2018 era invece di 171,19 euro. Al  centro si trova il costo più elevato cioè 208,05 euro e al sud 186,6 euro. 

Lazio e Campania, dunque proprio quelle regioni che periodicamente vengono investite dalle emergenze igienico-sanitarie urbane, con cassonetti stracolmi e buste di spazzatura che invadono i marciapiedi. Il fatto che i dati mostrino evidenze statistiche su due regioni del centro-sud è un primato fallimentare che indica anche un gap culturale e di educazione ambientale?

Insomma, con un po' di sintetico cinismo, le nostre bucce di frutta valgono per le altre nazioni denaro e carburanti preziosi, mentre noi li paghiamo per potercene liberare. 

 

Leggi anche:

Roma, sotto la Raggi raccolta differenziata in calo, mentre nel Lazio aumenta

Economia, ha ragione Conte: non è una Manovra delle tasse ma solo per i migranti

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo