Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Settembre 2020

Pubblicato il

Ispra: Lazio e Campania le regioni che esportano più rifiuti organici all’estero

di Giulia Bertotto

Il centro-sud è l'area che esporta più rifiuti organici all'estero per mancanza di impianti di smaltimento

I dati Ispra, l'Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale, parlano chiaro: sono Lazio e Campania, due regioni del centro-sud Italia a dover smaltire all'estero i loro rifiuti organici in altri paesi d'Europa per mancanza di impienati adatti o di capacità sufficiente alla trasformazione delle tonnellate di resti organici.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nel 2018, in Italia, sono stati prodotti rifiuti urbani per 30,2 milioni di tonnellate. Vediamo nel dettaglio delle zone: il centro Italia produce 548 chilogrammi per abitante e ha segnato i valori pro capite più alti con un aumento di più di 10 kg rispetto al 2017. Il dato medio del Nord Italia si attesta a circa 517 kg per abitante, mentre al sud è di 449 kg per abitante. 

A livello nazionale il costo medio annuo per ogni cittadino è di 174,65 euro, nel 2018 era invece di 171,19 euro. Al  centro si trova il costo più elevato cioè 208,05 euro e al sud 186,6 euro. 

Lazio e Campania, dunque proprio quelle regioni che periodicamente vengono investite dalle emergenze igienico-sanitarie urbane, con cassonetti stracolmi e buste di spazzatura che invadono i marciapiedi. Il fatto che i dati mostrino evidenze statistiche su due regioni del centro-sud è un primato fallimentare che indica anche un gap culturale e di educazione ambientale?

Insomma, con un po' di sintetico cinismo, le nostre bucce di frutta valgono per le altre nazioni denaro e carburanti preziosi, mentre noi li paghiamo per potercene liberare. 

 

Leggi anche:

Roma, sotto la Raggi raccolta differenziata in calo, mentre nel Lazio aumenta

Economia, ha ragione Conte: non è una Manovra delle tasse ma solo per i migranti

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento