Vuoi la tua pubblicità qui?
09 Agosto 2022

Pubblicato il

Prove Invalsi 2022

Invalsi: 1 maturando su 10 ha una preparazione da terza media

di Alice Capriotti
Il portale Skuola.net ha riportato che il 9% degli studenti hanno fallito tutte tre le prove: italiano, matematica e inglese
studenti nel corridoio di una scuola

I dati raccolti dal portale Skuola.net riportano che i ragazzi diplomati nel 2022 nelle prove invalsi abbiano avuto qualche problema in più rispetto ai diplomati pre-pandemia.

Il Presidente INVALSI Roberto Ricci ha affermato: “Gli esiti di quest’anno confermano che si arresta il calo che abbiamo riscontrato con la pandemia. Il fatto che il calo si sia arrestato non era affatto scontato. Però è un cammino tutt’altro che semplice”. E aggiunge inoltre: “Vuol dire che la direzione presa, compresa la ferma volontà del ritorno in presenza degli studenti, è quella giusta. Però è un cammino tutt’altro che semplice”.

La responsabile Rilevazioni Nazionali, Alessia Mattei, invece nell’introdurre i risultati delle Prove INVALSI dichiara: “Le prove nazionali sono un bene pubblico”.

Nonostante i risultati deludenti, in qualche ambito gli studenti sono migliorati anche se non ai livelli pre-Covid.

Gli studi dimostrano come rimane urgente anche il problema del divario tra Nord e Sud. Il dato che però ha fatto più scalpore è che 1 diplomato su 10 non raggiunge in italiano, matematica e inglese le competenze che avrebbe dovuto possedere già in terza media. I maturandi di quest’anno quindi, da quanto riportato dagli INVALSI, non avrebbero le competenze necessarie. Un miglioramento si intravede però solo in inglese.

Il sito Skuola.net ha studiato i risultati ottenuti dagli alunni delle scuole elementari, medie e superiori.

Gli esiti nella scuola elementare

Gli esiti degli invalsi per le scuole elementari mostrano poche difficoltà da parte dei bambini, complici i pochi anni di scuola. Ma si iniziano a vedere le prime crepe. Infatti, secondo i dati, 3 studenti su 4 superano le prove di italiano e con qualche difficoltà quelle di matematica. In quinta elementare la situazione peggiora di 5 punti per quanto riguarda l’esame di italiano, e in matematica di 6 punti. Per quanto riguarda la lingua inglese, gli alunni hanno un miglioramento rispetto al 2021.

I risultati delle prove di Terza Media

Con le Prove Invalsi di Terza Media la situazione cambia. Solo il 61% degli studenti raggiunge il livello minimo di competenze per l’esame di italiano. Quindi il 39% degli alunni non dimostra di aver acquisito gli insegnamenti.

Anche i ragazzi del terzo superiore quest’anno hanno recuperato le prove che non hanno potuto svolgere causa Covid. A raggiungere il livello di adeguatezza è il 66%, con differenze a seconda della regione. In matematica invece solo il 54% raggiunge il livello adeguato, risultati che continuano a calare dal 2018. In Lombardia, Trento, e Veneto, il numero degli studenti fragili, sotto al livello di competenze richiesto è molto alto.

I ragazzi di quinta superiore

Le prove INVALSI per i ragazzi della quinta superiore sono fondamentali per capire le competenze raggiunte in 13 anni di scuola. I risultati però non sembrano essere promettenti, ma non mostrano nemmeno crolli rispetto all’anno precedente. In italiano solo il 52% arriva ad ottenere la sufficienza. Con Campania e Calabria con gli esiti più preoccupanti. 

In matematica la situazione peggiora notevolmente solo 1 maturando su 2 raggiunge il punteggio richiesto, differentemente dagli esami svolti prima della pandemia. Infatti, in quel periodo circa il 61% degli alunni superava la prova di matematica con facilità, e il 65% quella di italiano.

La situazione non migliora in inglese dove solo il 52% degli studenti riesce a raggiunge il livello B2.

Le parole del presidente di Skuola.net

Daniele Grassucci, direttore di Skuola.net si esprime così circa gli INVALSI: “Purtroppo, lo sanno bene tutti i genitori che devono iscrivere i propri figli ad un nuovo ciclo scolastico: si fa di tutto per cercare la scuola che funziona meglio di altre e, all’interno dell’istituto prescelto, per scoprire la sezione più performante. Questo perché è ormai risaputo che tra scuole dello stesso territorio e classi della stessa scuola, esistono delle differenze di qualità quasi abissali.

E l’INVALSI non ha fatto altro che confermare statisticamente un fatto risaputo a tutti. E col quale dobbiamo iniziare a fare i conti seriamente: la scuola o la sezione in cui capiti non possono incidere così tanto sulla vita degli studenti e trasformarsi in una sorta di roulette russa. Perché poi, se hai un contesto familiare ricco in termini economici o culturali, in qualche modo hai più probabilità di farcela. Mentre al contrario, hai molte più probabilità di non farcela. Gli alunni “fragili” provengono soprattutto dai nuclei familiari meno agiati e da alcuni territori come Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna. I dati per agire in maniera puntuale li abbiamo, sarebbe il caso di iniziare ad usarli…”.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo