Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Novembre 2021

Pubblicato il

Tempi difficili

Intervista a Paolo Brosio: “La pandemia ha acceso la fede e l’amore”

di Anna Mirabile
Paolo Brosio si racconta: amore, amicizia, fede e politica
Paolo Brosio
Paolo Brosio

Paolo Brosio, giornalista e scrittore, spirituale e carnale, famoso per i suoi pellegrinaggi a Medjugorje e per le sue storie d’amore controverse, ha interrotto ogni rapporto con la sua ex, Maria Laura De Vitis di 42 anni più giovane di lui. Si erano ripromessi di rimanere uniti, ma poi si sono persi.

Intervista a Paolo Brosio: amore, fede e tempi difficili

Paolo potresti recuperare la tua amicizia con la tua ex fidanzata?

Speriamo per Natale quando saremo tutti più buoni, me compreso.

Tu che il covid lo hai avuto in forma seria e sei stato ricoverato per questo, cosa pensi dello stato di emergenza interminabile che viviamo ?

Vuoi la tua pubblicità qui?

E’ un pessimo momento della storia del nostro amato paese, della nostra Repubblica, è una delle fasi peggiori, dal punto di vista giuridico e istituzionale. Io mi sono laureato in giurisprudenza a Pisa con una tesi guarda caso in filosofia del diritto su Max Weber sui detentori del potere e sui sottoposti del potere. Poi mi sono ritrovato a raccontare come inviato’ Mani pulite’ e poi a vivere la pandemia. Ti dico subito che quando le sfere dei poteri non sono equilibrate, si creano sempre delle catastrofi determinate dall’autoritarismo. Si usa l’emergenza per sottrarre la libertà.

Paolo Brosio: dittatura mascherata da emergenza sanitaria

Una deriva autoritaria?

Siamo in una dittatura mascherata da emergenza e nessuno me lo toglie dalla testa che il protrarsi della pandemia, il cui picco è stato reale, a prescindere dalla presenza del vaccino, sia voluta. Avevamo un cocktail di farmaci a disposizione per salvare le vite, non ho ancora capito perché Speranza e i dirigenti abbiano ignorato le terapie che avrebbero potuto salvare decine di migliaia di persone, fingendo che non esistessero. Questa è una realtà: ‘Paracetamolo e Vigile Attesa’. Il nostro governo, a differenza degli altri stati europei che erano organizzati con i dispositivi appropriati anche per un pronto soccorso domiciliare e non solo ospedaliero, ha messo il divieto di effettuare le autopsie.

Io avendo fatto giurisprudenza e medicina legale, sapevo che in situazioni gravi, come quelle di omicidi, stragi o pandemie, era necessario ricorrere immediatamente all’ esame autoptico per capirne l’origine. La prima cosa è comprendere quali siano le cause, era una polmonite diversa, una trombosi degli alveoli polmonari, se spari l’ossigeno senza eparina, uccidi. I medici di famiglia che hanno una casistica di pazienti che seguono da anni e che sono comunque degli scienziati, che avrebbero potuto soccorrere i pazienti con le cure domiciliari invece sono stati tagliati fuori. I farmaci che funzionavano sono diventati introvabili per puntare solo sui vaccini.

Azitromicina, deltacortene, eparina per non parlare degli eroi di Napoli dell’ Istituto Pascale’ e ‘Cotugno’ per le malattie virali dove ci sono interi reparti dedicati alle malattie infettive che avevano subito scoperto l’efficacia del tocilidzumab, farmaco destinato all’artrite reumatoide, che è stato immediatamente introvabile. Ha salvato vite, ma siccome spingevano sui vaccini hanno lasciato cadere questa sperimentazione che però ha salvato l’80 o il 90 per cento delle persone malate.

Che idea ti sei fatto?

C’è una prevalenza di un potere esecutivo. Interi reparti dedicati alle malattie infettive sono stati colpiti da quest’emergenza nell’incapacità, nella negligenza, nella confusione e il governo ne ha approfittato per imporre una dittatura sanitaria che è contro il diritto allo studio e al lavoro, vedi il green pass, che è contro la Costituzione . Chi non vuole farlo, perché ricordiamo che il vaccino non è obbligatorio, sia perché che protegge per poco tempo e puoi contagiare e contagiarti , sia per gli effetti avversi a breve e a lungo termine, viene schiacciato. Non è giusto.

C’ è stato un focolaio a Medjugorje e la maggior parte dei viaggiatori erano vaccinati con due dosi. In Erzegovina non c’è il virus, non so come mai, ma sono vaccinati al 20 per cento. Però quando c’e stato il focolaio ‘Libero’ ha scritto ‘’pellegrinaggio dei no vax’’, ma se erano tutti vaccinati con due dosi? Ecco come funziona. I pochissimi che non erano vaccinati, erano negativi perché avevano fatto il tampone. Quindi mi pare chiaro capire chi ha contagiato chi. La conseguenza è che ora non possiamo fare i pellegrinaggi.

Anche le mete della fede sono vietate

Non ci si può più recare a Medjugorje al momento?

Puoi andarci per lavoro e non per turismo religioso. Siamo in una situazione che è una follia. Il Parlamento è esautorato e andiamo avanti con i Dpcm o i Dl. Con l’autoritarismo e non con il dialogo politico.

Paolo Brosio: non sono no-vax, ma queste vaccinazioni sono sospette

Ci sono stati messaggi della Madonna che mettessero in guardia da manipolazioni genetiche?

Io non voglio parlare dal punto di vista della mia fede, ma voglio fare un discorso da giornalista che rispetti anche coloro che possiedono una visione laica . Io mi fido dei vaccini e dei farmaci testati . Questo è un siero sperimentale con effetti collaterali gravi sino all’ esito fatale e anche se fossero numeri bassi qua parliamo di esseri umani e ci sta che uno ne abbia paura dato che ci sono anomalie post vaccino gravi. Non puoi non tenerne conto . Hanno fatto tutto in fretta e senza poter attuare i controlli a lungo termine. Le persone che dietro pagamento hanno partecipato alla sperimentazione, come staranno ora? C’è una vigilanza attiva?

Purtroppo no. Gli effetti avversi vengono schedati ? Non ci sono segnalazioni. Lo vedremo fra due anni. Nel tempo ci saranno una marea di ricorsi e andremo avanti con il green pass senza tenere conto che ci sono milioni di guariti che hanno un’immunità naturale prodotta dalla memoria cellulare che non si misura con gli anticorpi. Non puoi fare un vaccino ogni sei mesi, Luc Montagnier, che è un genio, e invece lo vogliono far passare per pazzo, lo ha detto. ‘Non puoi fare un vaccino ogni sei mesi’.

Il vero vaccino è unico. Questo non è un virus normale, è un’arma biologica, ma se lo prendi, almeno 9 volte su 10 è curabile. Se metti il green pass obbligatorio, lo Stato deve darmi i tamponi a prezzi calmierati o gratis o aziendali.

Tutto questo malessere ci sta riavvicinando alla fede?

Quando c’ è una sofferenza o un dolore la gente si avvicina a Dio. La pandemia nel campo etico religioso può essere un fertilizzante per i devoti. La pandemia riaccende la fede e l’amore. Ma quello che mi preoccupa è l’aspetto governativo,la politica .

Come vuoi salutare i nostri lettori?

Con un’Ave Maria in croato (la recita per intero). Mascherina e preghiere per tutti.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo