Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Maggio 2022

Pubblicato il

Il Prefetto di Roma teme per incolumità personale di Marino

di Redazione
Sulla protezione delle Forze dell'Ordine Marino vuole pensarci. I due non avrebbero parlato di scioglimento del Comune

Il sindaco Marino e il prefetto Pecoraro a colloquio per fare il punto su Mondo di Mezzo, l'inchiesta che ha messo a nudo l'esistenza della mafia nella Capitale. Stando a quanto riferisce l'agenzia DIRE, dall'incontro avvenuto in Campidoglio, è emerso un clima di massima collaborazione tra i due.

Il Prefetto, avrebbe poi espresso preoccupazione per l'incolumità personale del primo cittadino in quanto ostacolo, secondo quanto emerso dalle intercettazioni e secondo l'opinione di Pecoraro, ai disegni del sistema criminale. Pertanto, sarebbe stata fatta richiesta al sindaco di modificare le modalità dei suoi spostamenti, e accettare la protezione delle Forze dell'Ordine. 

"L'incontro con Pecoraro è andato molto bene – riferisce Marino a DIRE – E' preoccupato per la mia incolumità personale e mi ha chiesto di rinunciare ad andare in bicicletta e ad accettare la protezione che ho sempre rifiutato. Gli ho risposto che voglio pensarci perché per me non è facile rinunciare alla libertà di potermi muovere come un normale cittadino" – un normale cittadino con la scorta di Vigili, però.

Sui motivi per cui Pecoraro sarebbe preoccupato per la sua incolumità, Marino dice di non saperne nulla: "Devo dire che non mi sono addentrato in questi particolari". Né, tantomeno, i due sembrano essersi soffermati sulla questione dello scioglimento del Comune di Roma. "Ho chiesto al prefetto di avere tutti gli strumenti che lui può mettere a nostra disposizione, sia in termini di risorse umane che tecnologiche, per valutare se all'interno dei nostri palazzi ci sono altre mele marce" – ha poi aggiunto il primo cittadino. 

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo