14 Giugno 2021

Pubblicato il

Verso la fine

Il green pass a portata di tutti: come ottenerlo tramite App, SMS o Mail

di Chiara Fedeli

Da oggi, primo Giugno, entra in vigore il decreto Recovery, snodo fondamentale che consentirà a tutti di poter ottenere il green pass

Oggi, primo Giugno, il lancio del Gateway Ue, piattaforma che permetterà la validazione oltre i confini nazionali dei certificati Covid digitali. Il green pass è un diritto di tutti i cittadini in possesso dei requisiti per spostarsi (che ricordiamo, sono vaccinazione, guarigione e/o test antigenico o molecolare). Il regolamento entrerà in funzione dal primo luglio

Così conferma anche il commissario europeo alla Giustizia Didier Reynders, che ha presentato intanto in conferenza stampa a Bruxelles la nuova proposta di raccomandazione per i viaggi nell’Ue. “A oggi 17 Stati membri su 27 sono connessi, siamo fiduciosi che il sistema sarà operativo il primo luglio”.

Via al decreto Recovery: cosa cambia

Intanto nel nostro Paese la piattaforma nazionale Digital Green certificate produrrà la certificazione verde Covid-19 anche in front-end web dedicato. Lo ha stabilito il decreto Recovery, entrato in funzione oggi, primo Giugno. Buone notizie, perché significa che non sarà necessario il possesso dello SPID (Sistema Pubblico d’Identità Digitale)

La piattaforma, infatti, si coordinerà con il sistema Tessera Sanitaria al fine di raccogliere e archiviare i dati dei cittadini. Saranno le regioni a trasmettere i dati al portale Sogei, sia quelli relativi al vaccino, sia quelli dei tamponi, così come i dati relativi alle guarigioni.

La nuova funzionalità del portale prevede infatti l’archivio, oltre al certificato vaccinale e quello dei dati dei tamponi molecolari e antigenici, anche dei certificati di guarigione.

Per il momento si produrrà così la carta verde Covid-19, che non è ancora il green pass europeo, ma che potrà essere scaricata direttamente anche (oltre dal sistema SPID) dalle App governative gratuite Immuni e Io, e tramite SMS o Mail.  

Insomma, ottenere il certificato verde e il futuro Green Pass è sempre più semplice e alla portata di tutti. Un meccanismo sempre meglio oliato per poter gestire in maniera ottimale i grandissimi numeri di questa pandemia.

Qual è la differenza tra Digital Green certificate e la certificazione verde?

Il Digital Green certificate è il green pass europeo, mentre la certificazione verde o carta verde, è denominata anche green Pass italiana. Attestano la stessa cosa, ma la certificazione europea valida oltre i confini nazionali entrerà in vigore dal primo Luglio.

Il green pass per vaccinati, viene rilasciato in formato cartaceo o digitale dalla struttura che ha effettuato la somministrazione del vaccino o dal servizio sanitario Regionale. È valido 9 mesi dal completamento del ciclo vaccinale. 

Il green pass per i guariti, viene rilasciato invece in formato cartaceo o digitale dalla struttura ospedaliera, ASL di competenza o medici di medicina generale (Medico di famiglia o Guardia Medica). Ha validità di sei mesi dalla fine dell’isolamento. 

Il green pass tramite tampone ha validità 48 ore, ed è rilasciato da strutture sanitarie pubbliche o private, farmacie o medici di medicina generale.

A cosa servono

Serve per: partecipare a feste e banchetti di matrimoni, comunioni, cresime. Serve per spostarsi da regioni e/o province autonome arancioni o rosse. 

Al momento, è in vigore solo la certificazione verde Covid-19 e se ci si sposta all’estero si è soggetti alle norme adottate dai singoli Paesi. La carta verde è valida solo su territorio nazionale fino all’entrata in vigore del Digital Green certificate

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Commenti dei nostri lettori

1 commenti trovati