18 Settembre 2021

Pubblicato il

I Movimenti occupano ex BNL di piazza Albania

di Redazione
In viale Aventino occupato uno stabile dai movimenti per il diritto all'abitare. Oggi lo sciopero sociale

Una nuova occupazione dei movimenti per il diritto all'abitare a Roma: in piazza Albania, è stato occupato uno stabile.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L'occupazione avviene nel giorno della grande mobilitazione: "In questa nuova giornata di sciopero sociale e di mobilitazione diffusa contro l'austerity e la precarietà, contro lo sfruttamento e la devastazione dei territori – hanno scritto in una nota – come movimenti per il diritto all'abitare abbiamo deciso colpire ancora. Abbiamo occupato in piazza Albania a Roma, su viale Aventino, un enorme stabile che Bnl-Bnp Paribas, già colpevole di aver cartolarizzato e regalato ai privati importanti quote di patrimonio pubblico, sta trasformando da uffici in preziosi e remunerativi alloggi. Altre case dai prezzi irraggiungibili che gonfireanno ancora la bolla speculativa che avvolge la città e non serviranno a dare risposte ai bisogni dei precari, dei disoccupati, delle periferie".

"Il blocco di questo cantiere – fanno sapere ancora – vuole da un lato contribuire al blocco diffuso della produzione metropolitana, dall'altro individuare le responsabilità delle banche, della grande finanza e dei potenti nelle politiche che si stanno abbattendo sul nostro Paese ed affamando, letteralmente, milioni di persone. Proprio quegli interessi e quei poteri forti che vengono pienamente incarnati dal neoliberismo selvaggio del Governo Renzi, che conduce dall'alto una pesante e violenta guerra contro i poveri e i precari. Non ci arrenderemo a un presente e a un futuro di sfruttamento e guerre fra poveri.
Sappiamo bene chi sono i veri responsabili della devastazione sociale che stiamo subendo in nome e per conto dei profitti e delle rendite di pochi".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo