18 Ottobre 2021

Pubblicato il

Gianni Alemanno querela Ignazio Marino per diffamazione

di Redazione
E sull'assemblea pubblica al Centro Elsa Morante presenta un'interrogazione consiliare

Il 10 dicembre, presso il Centro Culturale Elsa Morante, in zona Laurentina, si è svolta un'assemblea pubblica del Partito Democratico, alla presenza, tra gli altri, del sindaco Ignazio Marino e del neosegretario del PD romano, nonché presidente del PD nazionale, Matteo Orfini.

Un evento, questo, che non è andato giù all'ex primo cittadino Gianni Alemanno, a cui non sono piaciute le parole di Ignazio Marino. "Ho dato mandato ai miei legali di svolgere querela per diffamazione nei confronti del sindaco Marino per le affermazioni (…) rilasciate pubblicamente durante l'assemblea del PD tenutasi al centro culturale del Comune di Roma Elsa Morante" – questo l'annuncio di Gianni Alemanno. Il sindaco Marino, secondo quanto riferisce l'ex primo cittadino, avrebbe "dichiarato che 'l'impianto criminale nasce nella destra di Gianni Alemanno' ", in riferimento alle ultime vicende che hanno travolto la Capitale e il Campidoglio, per le quali lo stesso Alemanno è indagato, insieme ad altri esponenti della politica capitolina, PD ed ex PDL.

Ma c'è dell'altro. "Ho inoltre presentato un'interrogazione consiliare per chiedere come mai si sia svolta un'assemblea di partito dentro un centro culturale di proprietà del Comune di Roma – continua Alemanno – nonostante i regolamenti vietino manifestazioni di questo tipo presso sedi di proprietà dell'Ente Roma Capitale. Ho chiesto inoltre se sia stato pagato un affitto per tale sala e un rimborso per gli eventuali straordinari affettuati dal personale del centro per l'utilizzo della sala in tarda serata. Questo anche in vista di ulteriori utilizzi di sedi comunali in periferia che sono stati annunciati dal Partito Democratico sulla stampa" – ha concluso. 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo