Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Maggio 2022

Pubblicato il

Eutanasia, Papa: “La morte non è un diritto. Va accolta, non somministrata”

di Lorenzo Villanetti
"Va sempre privilegiato il diritto alla cura per tutti, affinché i più deboli, in particolare gli anziani e i malati, non siano mai scartati"
Papa Francesco
Papa Francesco

Come riportato da Adnkronos, Papa Francesco, nel corso dell’udienza generale nell’Aula Paolo VI, si è espresso sulla medicina e sulle cure palliative che “accompagnano” alla morte, tornando a parlare dell’eutanasia, scongiurando questa “inaccettabile deriva”.

“Non confondere l’aiuto con derive inaccettabili che portano all’eutanasia”

“Sono grato per tutto l’aiuto che la medicina si sta sforzando di dare, affinché, attraverso le cosiddette ‘cure palliative‘, ogni persona che si appresta a vivere l’ultimo tratto di strada della propria vita, possa farlo nella maniera più umana possibile. Dobbiamo però stare attenti a non confondere questo aiuto con derive anch’esse inaccettabili che portano all’eutanasia“.

Papa Francesco: “La vita è un diritto, non la morte”

“Dobbiamo accompagnare alla morte, ma non provocare la morte o aiutare il suicidio assistito. Ricordo che va sempre privilegiato il diritto alla cura per tutti, affinché i più deboli, in particolare gli anziani e i malati, non siano mai scartati. Infatti, la vita è un diritto, non la morte, la quale va accolta, non somministrata. E questo principio etico riguarda tutti, non solo i cristiani o i credenti”.

“Gli anziani vanno curati come tesoro dell’umanità”

Accelerare la morte, tante volte si vede, in un certo ceto sociale, con gli anziani che non hanno mezzi danno meno medicine che ad altri. Questo è disumano, non è Cristiano. Gli anziani vanno curati come tesoro dell’umanità. Anche se non parlano più sono simbolo di saggezza”.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo