18 Settembre 2021

Pubblicato il

Bravetta: Arrestati 3 senegalesi venditori di merce contraffatta

di Redazione
Nel loro domicilio trovato un vero e proprio deposito di materiale contraffatto, pronto per la vendita

I Carabinieri della Stazione di Roma Bravetta hanno arrestato 3 cittadini del Senegal, di 52, 45 e 37 anni, tutti disoccupati e con precedenti, perché trovati in possesso di merce griffata contraffatta, pronta per la vendita.

Nello specifico, una pattuglia dei Carabinieri, nel transitare in via dei Bonacolsi ha notato il 52enne, che esponeva in vendita orologi e occhiali ai cittadini della zona, su una bancarella fatta con mezzi di fortuna.

I militari incuriositi, hanno deciso di fermare il cittadino senegalese, accertando che gli oggetti esposti alla vendita, risultavano palesemente contraffatti.

Vuoi la tua pubblicità qui?

A seguito della perquisizione eseguita a carico del venditore ambulante, all’interno del suo zaino, sono stati sequestrati 30 orologi con marchi “ROLEX, BULGARI E CARTIER” e 50 paia di occhiali con loghi griffati falsi.

Il domicilio del cittadino senegalese, responsabile della vendita, è risultato un vero e proprio deposito di materiale contraffatto, pronto per la vendita.

Sono stati infatti rinvenuti e sequestrati, altri 22 orologi con marchio ROLEX contraffatto, 100 paia di occhiali, 8 paia di scarpe marchiate HOGAN, 56 capi di abbigliamento RALPH LAUREN e FRED PERRY e 10 etichette contraffatte di noti marchi, usate per alterare i capi di abbigliamento.

In casa sono stati trovati gli altri 2 cittadini del Senegal che alla vista dei Carabinieri hanno spontaneamente consegnato la merce contraffatta in loro possesso.  I tre arrestati, dovranno rispondere di ricettazione, contraffazione e commercio di prodotti falsi.

Ora si trovano agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo