Vuoi la tua pubblicità qui?
04 Febbraio 2023

Pubblicato il

Borghesiana e Longoni, un’altra coop a processo per i piani di zona

di Redazione
Il 18 febbraio udienza preliminare per gli ex vertici di Consorzio cooperative di abitazione - Associazione italiana casa (Aic), imputati per i reati di truffa e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche

Il caso dei piani di zona a Roma sembra non avere fine. Lunedì 18 febbraio avrà luogo l’udienza preliminare degli ex vertici della cooperativa Consorzio cooperative di abitazione – Associazione italiana casa (Aic), i quali sono imputati per i reati di truffa e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Secondo l’accusa, infatti, i legali rappresentanti della cooperativa al tempo dei fatti contestati avrebbero intascato contributi regionali pari a circa tre milioni e duecento mila euro per la costruzione del piano di zona Borghesiana-Pantano e due milioni di euro circa per quello di via Longoni.

Piani di zona, presunta truffa a Borghesiana-Pantano

La presunta truffa avrebbe indotto in errore singoli inquilini, i quali si sono ritrovati a stipulare contratti di locazione a condizioni più svantaggiose, e avrebbe permesso agli ex vertici della cooperativa un ingiusto e ingente profitto costituito dal maggiore ed canone di locazione. Sono indicati come parti offese nel procedimento venti inquilini assegnatari degli alloggi, il Comune di Roma e la Regione Lazio.

L’avv. Perticaro: la politica non si è preoccuparta di riparare i danni subiti da questi inquilini

“Questo è l’ennesimo risultato che gli inquilini ottengono portando davanti al giudice penale le società e le cooperative che hanno costruito abitazioni in edilizia agevolata a Roma”, ha commentato l’avvocato Vincenzo Perticaro, difensore degli inquilini. “A oggi la politica, sia a livello locale sia nazionale – ha dichiarato il legale -, non si è però preoccupata di riparare i danni subiti da questi inquilini con la stessa celerità con cui si è intervenuti per l’affrancazione. Decreti ingiuntivi, sfratti, somme pagate in eccesso e non restituite. Alla luce di tutti i rinvii a giudizio arrivati dalla Procura di Roma ci si sarebbe aspettati un atteggiamento diverso”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo