18 Settembre 2021

Pubblicato il

Allarme degrado, se l’amministrazione ci mette il carico…

di Redazione
Affissioni abusive in Municipio XV, compare il nome del presidente del Municipio Daniele Torquati

Arriva l’autunno, cadono foglie e promesse. Le promesse dei nostri amministratori. A finire nell’occhio del ciclone, ancora una volta, è il sindaco Marino. Insieme a lui c’è anche il minisindaco Torquati, presidente del Municipio XV. “Lo scorso anno si era scusato, affermando che il suo nome non sarebbe più comparso su manifesti affissi abusivamente per le strade di Roma nord. Eppure, oggi, Torquati ci è cascato di nuovo e, con lui, il sindaco Marino. I loro manifesti popolano le pareti di abitazioni, cantieri, palazzi”. Così, in una nota, Stefano Erbaggi, vicepresidente del Consiglio del Municipio XV, commenta l’affissione abusiva avvenuta negli scorsi giorni.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I manifesti ‘incriminati’ sponsorizzano “La festa dell’unità comunista”. Su di essi spicca un gattino che indossa il tipico colbacco sovietico e sono indicate le attività in programma. In calendario per la giornata conclusiva, quella di domenica 7 settembre, c’è un dibattito. L’ospite è proprio Torquati, invitato a tracciare il bilancio di questi dodici mesi di amministrazione municipale. Il titolo dell’incontro è “Un anno di amministrazione municipale: a che punto siamo?”. E alla domanda, qualcuno, potrebbe giustamente rispondere: “al punto di partenza”, almeno per quanto concerne l'imbarazzante questione delle affissioni abusive.

“Ancora una volta, la Sinistra non brilla certo per astuzia e trasparenza. Le parole del Presidente del Municipio XV sono come foglie al vento. Ad un anno dal suo insediamento, Torquati si conferma il principe ‘abusivo’ di Roma nord”, aggiunge Erbaggi. “Accanto a lui un Marino sempre più sbiadito – conclude – ‘abusivo’ anche lui, ma non solo nel nostro Municipio”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo