18 Aprile 2021

Pubblicato il

Afam, protesta dei docenti precari per il diritto alla stabilizzazione

di Redazione

Mercoledì presidio davanti al MIUR per protestare contro il mancato riconoscimento del diritto alla stabilizzazione dei docenti precari dell’AFAM

"Carissime e Carissimi,  Mercoledì 6 dicembre, alle ore 14, tutti i sindacati hanno organizzato un presidio davanti al MIUR per protestare contro il mancato riconoscimento del diritto alla stabilizzazione dei docenti precari dell’AFAM (Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica, raggruppa tutte le istituzioni della formazione superiore italiana il cui scopo è la formazione nei settori dell'arte della musica, della danza e del teatro). Tutti noi interessati parteciperemo, ma se qualcuno che non abbia questo nostro impellente problema volesse aiutarci, noi ne saremmo onorati. In fondo ne va del futuro dell'insegnamento della Musica nella Scuola Pubblica. Vi invito a vedere due post in rete, quello del MIDJ, che ci appoggia e di questo ringrazio Ada Montellanico e tutti i partecipanti per l'interesamento, e quello della Conferenza dei Direttori. Ripeto, è una questione non per tutti, ma se intanto tutti i miei amici ed amiche conoscono il problema e ne parlano, per me sarà già un successo. Molti miei Colleghi hanno raccontato la propria storia, io brevemente vorrei solo dire che sono forse il più anziano tra i precari, o giù di lì… Ho 62 ani e 15 di insegnamento tra contratto di collaborazione e Cattedra, sia in Batteria e Percussioni Jazz sia in Music d'Insieme Jazz. Gli anni ci sono e sono ovviamente vicino alla pensione (se me la daranno), ma la grinta, vi assicuro, è quella dei tempi migliori, e cioè di quando, quindicenne, sbattevo sui tamburi in cantina, con gli amici di sempre. Quindi, per chi volesse, ci vediamo Mercoledì 6 Dicembre davantii al Miur a Roma. Vi ringrazio tutti e tutte, un abbraccio".

* Giampaolo Ascolese, musicista, arrangiatore, produttore e docente di batteria, autore di questa lettera.

Midj a sostegno dei precari dell'Afam

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento