5mila firme per bloccare il Piano del Traffico di Ignazio Marino

1

“Cinquemila firme per bloccare il nuovo PGTU (Piano Generale del Traffico Urbano, ndr) targato Ignazio Marino, fare un salto indietro, iniziare da capo”  –  promette Roberta Angelilli. La coordinatrice regionale di Nuovo Centrodestra per il Lazio ha espresso la necessità di  “avviare una concertazione vera con i cittadini e non un confronto farlocco con tre associazioni amiche”.

A tale scopo, questa mattina in piazza Cola di Rienzo, il Comitato Cambiamo Roma; il capogruppo in aula Giulio Cesare, Roberto Cantiani; una decina di consiglieri municipali e la coordinatrice NCD per il Lazio, hanno inaugurato la raccolta firme contro il Piano generale del traffico urbano. Così, Angelilli, che già lo scorso 3 ottobre è stata protagonista di un flash-mob  in Campidoglio al grido di “No alle strisce blu, No al pedaggio”, torna a battere sul problema della mobilità cittadina con una raccolta firme che faccia dà volano alla presentazione di una delibera di iniziativa popolare per rivedere le attuali misure.

Tra le misure all’indice troviamo: “L'aumento delle strisce blu, la soppressione degli abbonamenti giornalieri, l’aumento della Ztl, la pedonalizzazione del Tridente”.