Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Gennaio 2021

Pubblicato il

Virus cinese, indossate mascherine? Peccato, vengono da Wuhan

di Giulia Bertotto

Mentre le farmacie prese d'assalto non fanno neppure in tempo a rifornirsi di nuove partite di precauzioni facciali

Su questo virus di origine cinese si sta dicendo di tutto, che in Italia non c'è da preoccuparsi e si tratta per lo più di una psicosi collettiva, che la situazione dei contagi è più grave della precedente Sars, che è stato prodotto in un laboratorio militare cinese nel corso di un esperimento sfuggito di mano, o che ci sarebbe un piano mondiale per ridurre la popolazione; si alternano visioni più o meno complottiste e ufficiali, statistiche drammatiche e incoraggiamenti di esperti ottimisti. Ma scoprire che diversi lotti di mascherine che dovrebbero ridurre la possibilità di infettarsi provengono direttamente dal centro dell'epidemia, questo è un paradosso che ha del tragicomico

Vuoi la tua pubblicità qui?

La beffa per i più ipocondriaci, o solo per coloro che ritengono la prudenza la migliore prevenzione, è distribuita per la precisone da "Farmac Zabban Spa Calderata di Reno-Bologna" ma prodotta in Cina, Wuhan. Poco da stupirsi forse, se si pensa che una percentuale molto alta di prodotti che importiamo proviene dalla Cina, ma che diventa subito coincidenza apocalittica o barzelletta grottesca nel contesto di un'epidemia che miete vittime, anche se tra le fasce di popolazione con un sistema immunitario più debole.

Nel frattempo oggi 30 gennaio, i contagi in Europa sono dieci, di cui 5 in Francia, 4 in Germania, l'ultimo in Finlandia, oltre seimila casi registrati in Cina con un bilancio di morti di 132 persone. 

 

Leggi anche: 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Stadio della Roma, (forse) si cambia: e la Raggi perderebbe un’altra occasione

In Francia i pompieri-Joker. In Italia le sardine-Topolino. Stiamo meglio noi?

 

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento