Pubblicato il

Virginia Raggi dopo l’emergenza Covid. Ha guadagnato o perso consensi?

Molti cittadini hanno rivalutato la sindaca Virginia Raggi per la gestione dell'emergenza Covid, sia per le sue iniziative che per le idee messe in campo

Virginia Raggi
Virginia Raggi

Virginia Raggi sindaca. Molti cittadini hanno rivalutato la sindaca per la gestione dell’emergenza Coronavirus, sia per le sue iniziative che per le idee messe in campo. È stata la prima in assoluto a dire che bisognava aiutare anche i lavoratori in nero in quanto è difficilissimo trovare occupazioni regolari. Anche l’idea e l’attuazione di usare i pullman privati a noleggio per incrementare l’offerta di servizio pubblico. Forse dovrebbe aumentare non solo la mattina, ma durante tutto il giorno, in particolare quando riapriranno le scuole. Un’altra buona idea è quella di favorire la mobilità leggera con l’aumento di piste ciclabili e l’uso di monopattini. Specialmente l’uso dei monopattini deve essere ben regolamentato e le piste ciclabili provvisorie probabilmente non hanno gli standard di sicurezza delle vecchie piste. Le nuove, in alcuni casi, convergono direttamente nella circolazione di tutti gli altri veicoli.

Virginia Raggi e le sue iniziative: i buoni spesa e le strisce blu

Inoltre anche la gestione dei buoni spesa, nonostante qualche ritardo, è stata abbastanza precisa. Considerando che molti dipendenti comunali hanno lavorato in smart working e comunque a molti aventi diritto sono arrivati prima i buoni spesa piuttosto che la cassa integrazione. Bisogna considerare che, nei limiti del possibile, per evitare eventuali abusi da parte dei richiedenti un seppur minimo controllo andava effettuato. Purtroppo appena questa emergenza sanitaria è diminuita la sindaca è tornata ad essere quella che, purtroppo, i cittadini romani hanno conosciuto e sopportato in questi quattro anni di amministrazione. Il parcheggio privato sulle strisce blu, che era stato sospeso durante l’emergenza, è stato immediatamente ripristinato. E ha penalizzato il trasporto privato che avrebbe potuto allentare la pressione sul trasporto pubblico.

I varchi Ztl e la raccolta rifiuti

Mentre la zona ztl è rimasta aperta a tutti. In questo modo l’automobilista invece di parcheggiare fuori dalla zona ztl supera i varchi e parcheggia in centro. Considerando che i parcheggi sono relativamente pochi e quasi tutti appannaggio dei residenti, coloro che entreranno nella ztl lasceranno i veicoli in qualsiasi posto in cui si possa sostare. Anche abusivamente, senza rischiare molto, in quanto questa amministrazione non è ancora riuscita a ripristinare il servizio rimozioni e applicazione delle ganasce. Anche per la raccolta rifiuti siamo tornati alla situazione pre-covid con rifiuti abbandonati dappertutto. Con cassonetti rotti o mancanti. Per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti una parte di responsabilità è anche dei cittadini. I cosiddetti pendolari della “monnezza”, durante l’emergenza, non potendo trasferirla in altri quartieri erano costretti ad effettuare la raccolta differenziata. Ma la gestione della raccolta non è migliorata assolutamente per mancanza di capacità politica e amministrativa.

Virginia Raggi e la battaglia al malaffare ad Ostia

Abbiamo letto che, per esempio, sulla spiaggia di Ostia quando qualcuno trova chiodi arrugginiti o vetri rotti danno la colpa a misteriosi nemici di questa amministrazione invece di ammettere che quando sono stati abbattuti alcuni chioschi abusivi la bonifica dell’arenile non è stata accurata. Tra le altre cose che non sono migliorate c’è l’abbattimento delle barriere architettoniche e il contrasto alle doppie e triple file, che incidono direttamente sulla fluidità del traffico portando a perdite di tempo ed anche economiche per tutti i cittadini. Si legge che la sindaca potrebbe ripresentarsi alle prossime elezioni comunali ma la musica non sarà di 4 anni fa, quando il Movimento 5 Stelle avrebbe vinto con qualunque candidato.

Goffredo Martini

*Foto dal profilo Fb di Virginia Raggi

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi