22 Settembre 2021

Pubblicato il

Vigili in piazza a Roma: “Abbiamo le mani pulite” FOTO

di Redazione
I vigili chiedono le dimissioni del comandante Raffaele Clemente. I dettagli

"Siamo già in tanti qui al comando, credo intorno ai 2mila vigili a inizio assemblea. L'adesione sarà anche del 95%. A Roma sono garantiti solo i servizi minimi essenziali, quindi una pattuglia per ogni Municipio". Questo l'annuncio di Francesco Croce della UIL questa mattina, quando ha preso il via l'assemblea dei Vigili Urbani a Roma.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I Vigili sono scesi in piazza in divisa, con guanti bianchi e mani per aria. Molti i cartelli a capeggiare la protesta, con la scritta: 'Io ho le mani pulite', 'Non sono corrotto'. Un gruppo di loro, ha bloccato per diversi minuti il traffico davanti la sede del comando generale in via della Consolazione.

A monte della protesta dei caschi bianchi, il provvedimento voluto dal comandante Raffaele Clemente che vuole la riorganizzazione del Corpo, con tanto di turnazione per evitare fenomeni di corruzione. Tra i cartelli portati in piazza anche alcuni che raffigurano il più celebre dei 'pizzardoni', Alberto Sordi nei panni del vigile Otello Celletti e la scritta 'Clemente non sei il mio comandante'.

Intanto l'assemblea, iniziata in un primo momento all'interno del cortile del comando, si è spostata, visto l'elevato numero di presenze, all'esterno della sede della Polizia locale di Roma Capitale. Il traffico nella zona è rallentato. I Vigili, inoltre, saranno assenti dalle strade fino alle 17.

"Quest'assemblea è un atto simbolico di sfiducia di tutti i vigili urbani che oggi grideranno all'unisono 'Clemente non sei il nostro comandante' – commenta ancora Francesco Croce della Uil – Per quanto riguarda la decisione della turnazione questa sembra avere un che di gattopardesco. Non si sana la situazione perché l'eventuale corrotto continua a mantenere la sua mansione anche in un altro territorio".

E dopo questa protesta? "Noi siamo pronti anche allo sciopero della categoria con una manifestazione in piazza del Campidoglio" – aggiunge Croce.

Per i sindacati quello di stamattina è quindi un vero e proprio "atto di sfiducia nei confronti del sindaco Marino e del comandante Clemente", e per questo vengono richieste "le dimissioni di entrambi, a meno che non vengano revocati gli atti recentemente emanati. Solo a quel punto si potrà riprendere una trattativa tra le parti".

"Clemente non ha esitato di definirci 'corrotti' davanti alla stampa – proseguono i sindacati – La rotazione nei territori non risolve nessun problema. L'unica cosa che avrebbe un senso è la rotazione delle mansioni. Il resto è solo un tentativo di umiliare il Corpo e i lavoratori".

Ed ecco che i sindacati snocciolano tutte le difficoltà che i lavoratori sono costretti ad affrontare, come "operare tutti i giorni sotto organico, svolgendo compiti con attrezzature non adeguate per quel che riguarda la sicurezza". 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo