16 Ottobre 2021

Pubblicato il

Vigili del Fuoco manifestano davanti Montecitorio per parità trattamento

di Redazione
I Vigili del Fuoco, gli stessi eroi del terremoto e del Rigopiano sono i meno pagati tra i corpi dello Stato. "M5s sosterrà la protesta. I cittadini non sanno"

Sono venuti da tutta Italia, in migliaia, i Vigili del Fuoco che manifestano in divisa davanti a Montecitorio. "Non vogliamo essere trattati come un corpo da serie B", è scritto su uno striscione esposto in piazza.

"Siamo sempre in prima linea contro ogni calamità e in difesa dei cittadini, eppure il trattamento retributivo e pensionistico che riceviamo rispetto agli altri corpi di Polizia è molto diverso, e chi governa continua a fare orecchie da mercante e non dare mai soluzione alle nostre richieste", dichiara un rappresentante del Sindacato autonomo Conapo.

"Trecento euro al mese in meno rispetto alle già sottopagate forze di Polizia e nessun riconoscimento dei servizi operativi ai fini pensionistici è un affronto che noi pompieri non riusciamo più a digerire, anche perchè dopo le tante lodi pubbliche poi per noi i soldi non si trovano mai, finiamo sempre all'ultimo posto dell'agenda politica" – continua il sindacalista – "Non chiediamo nessun privilegio ma solo parità di trattamento con gli altri corpi semplicemente attraverso l'inserimento nel comparto sicurezza, dal quale siamo rimasti nel passato esclusi per volere dei sindacati politicizzati, oppure attraverso misure legislative di equiparazione retributiva e pensionistica agli stessi corpi del comparto sicurezza".

I Vigili del Fuoco, gli stessi eroi del terremoto e del Rigopiano, non sono solo i meno pagati tra i corpi dello Stato ma, secondo la ragioneria generale, si trovano anche agli ultimi posti nella classifica della retribuzione del pubblico impiego.

"Assolutamente sì", risponde il deputato del M5s Danilo Toninelli, a chi gli chiede se il Movimento sosterrà con un emendamento la protesta dei vigili del fuoco che chiedono di avere i salari equiparati a quelli delle altre forze di sicurezza. "Abbiamo fatto emendamenti e proposte di legge. Abbiamo fatto qualsiasi cosa. Oggi bisogna rendere la situazione dei vigili del fuoco nota a tutti. I cittadini non conoscono la disparità di trattamento.

E noi dobbiamo riuscire a farlo sapere alla gente e farla arrabbiare contro la Madia e contro Gentiloni, perché è inaccettabile che tra chi ci salva la vita ci sia chi è di serie B e chi di serie A. Devono essere tutti di serie A, tutti uguali", aggiunge Toninelli.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo